Pubblicato in:

ETF Obbligazionari: cosa sono e come funzionano

ETF OBBLIGAZIONARIO

Fino a pochi anni fa, prima che esistessero gli ETF obbligazionari, l’investitore che avesse desiderato costruire una strategia obbligazionaria diversificata si sarebbe trovato ad affrontare più di una complicazione. Il mercato obbligazionario è infatti molto variegato e include sia titoli di Stato, sia titoli emessi dalle aziende. Grazie agli ETF oggi è possibile costruire il proprio  investimento obbligazionario con semplicità e trasparenza e a costi contenuti.

A Moneyfarm siamo esperti nella selezione di ETF e nell’elaborazione di strategie d’investimento personalizzate in fondi passivi. In questo articolo forniremo una guida completa per la selezione degli ETF obbligazionari e indicheremo alcuni dei migliori strumenti quotati su Borsa Italiana. Se vuoi scoprire quale strategia d’investimento, anche in obbligazioni, è la più adatta alle tue esigenze ti basterà completare il veloce percorso online.

SCOPRI LA STRATEGIA IN ETF PERSONALIZZATA

Come funziona un ETF obbligazionario?

Un ETF obbligazionario è un fondo che  investe su un determinato indice obbligazionario, cercando di replicarne i rendimenti. Sebbene questi fondi investano in obbligazioni, le quote di partecipazione possono essere acquistate e vendute in borsa, proprio come se si trattasse di azioni.

Gli ETF azionari, solitamente, investono per conto dell’investitore nella totalità dei titoli che fanno parte dell’indice di riferimento, ma ciò solitamente non è possibile con le obbligazioni. Gli indici obbligazionari spesso includono centinaia, persino migliaia, di emissioni. Acquistare tutte queste obbligazioni per un gestore ETF non è solo difficile, ma anche piuttosto costoso. molti segmenti del mercato obbligazionario, specialmente di quello relativo al debito delle aziende, non sono particolarmente liquidi (ovvero non è semplice trovare venditori e acquirenti sul mercato). Ciò vuol dire che acquistare questi titoli può essere piuttosto costoso e ciò può erodere rapidamente i rendimenti dell’ETF.

Per questo i gestori di fondi operano una selezione dei titoli dell’indice obbligazionario da includere nell’ETF. Solitamente vengono selezionate le obbligazioni che forniscono il campione più rappresentativo dell’indice: in base a qualità del credito, esposizione, correlazioni, durata e rischio. Questo processo è noto come ottimizzazione. L’ottimizzazione fa risparmiare sui costi ma ha i suoi rischi, perché una strategia di ottimizzazione piuttosto che un’altra potrebbero far discostare la performance di un ETF da quella dell’indice. Per questo, l’attività di selezione degli ETF obbligazionari è molto più complessa di quella per gli ETF azionari, e l’investitore meno espero potrebbe avvantaggiarsi del supporto di un professionista.

Le differenze tra investire in obbligazioni ed ETF obbligazionari

Esistono alcune fondamentali differenze tra l’investimento in un ETF obbligazionario e l’acquisto di un obbligazione.

  • Gli ETF obbligazionari non maturano: Le singole obbligazioni hanno una data fissa e invariabile in cui vanno a scadenza e gli investitori ricevono indietro il capitale investito. Gli ETF obbligazionari, invece, mantengono una durata finanziaria costante. Tuttavia le obbligazioni di cui l’ETF si compone potrebbero scadere o uscire dalla data di competenza dell’ETF in qualsiasi momento. Proviamo a chiarire con un esempio, immaginiamo un ETF sui BTP a lunga scadenza. Questo fondo deve continuamente escludere tutte le obbligazioni che si avvicinano alla scadenza oltre una certa soglia prestabilita nelle regole di investimento. Di conseguenza, per mantenere costante la duration del portafoglio, devono essere continuamente acquistate e vendute nuove obbligazioni. Questa attività, detta rollover, implica che i titoli degli ETF in portafoglio cambiano continuamente, determinando il prezzo dell’indice che può salire o scendere a seconda della composizione del portafoglio.
  • Esistono vari tipi di strategie di rollover: da quelle più automatizzate a quelle che lasciano ampia discrezionalità al gestore di operare ottimizzazioni. La selezione della strategia di rollover, insieme a quella di ottimizzazione, costituiscono un ulteriore elemento di complessità per quanto riguarda la costruzione di un portafoglio di ETF obbligazionari.
  • Gli ETF obbligazionari sono piuttosto liquidi: Non tutte le obbligazioni possono essere scambiate in modo semplice e in ogni momento sui mercati finanziari. Al contrario, gli ETF obbligazionari vengono negoziati in borsa, il che significa che possono essere acquistati e venduti in qualsiasi momento durante le ore di mercato, anche se le obbligazioni sottostanti non sono negoziate in quel momento.
  • Il prezzo degli ETF viene aggiornato giornalmente: questo vuol dire che, per esempio, in caso di un aumento dei tassi il valore del tuo portafoglio in ETF potrebbe svalutarsi, cosa che non succederebbe in caso di acquisto di singoli bond tenuti fino a scadenza. In realtà l’aggiornamento del prezzo riflette l’attuale valore di mercato dello strumento. Il prezzo di una singola obbligazione, anche se nominalmente non cambia, si svaluterebbe o apprezzerebbe in caso di vendita. L’aggiornamento continuo ha importanti conseguenze da un punto di visa fiscale, perché l’apprezzamento o la svalutazione del portafoglio genera una plusvalenza.

Vantaggi e rischi degli ETF obbligazionari

Qui di seguito elenchiamo i principali vantaggi dell’investimento obbligazionario attraverso ETF:

  • Diversificazione: con un ETF si acquistano migliaia di titoli e ciò riduce sensibilmente il rischio di credito, ovvero il rischio di default dell’emittente del titolo
  • Flessibilità: grazie alla possibilità di esporsi molto velocemente a un gran numero di mercati e fattori
  • Convenienza: gli ETF obbligazionari restano una soluzione efficiente per esporsi al mercato obbligazionario

Esistono tuttavia anche alcune complessità:

  • Difficile valutazione del sottostante: soprattutto per l’investitore non professionale non è mai semplice valutare e comparare le strategie di ottimizzazione e rollover dei vari fondi. Gli indici obbligazionari, inoltre, spesso contengono molte tipologie diverse di titoli, il che potrebbe creare una difficoltà all’investitore.

I migliori ETF obbligazionari obbligazionari 2021

Il comparto obbligazionario è molto variegato. La costruzione di una componente obbligazionaria che controlli i rischi e riesca a garantire adeguati rendimenti in termini reali non è affatto semplice.

Scopri la proposta d'investimento costruita per te

1. Crea il tuo profilo
2. Scopri il tuo portafoglio
3. Comincia a investire
Simula un portafoglio

Per questo il primo passo per costruire una posizione obbligazionaria è definire una strategia in linea con i propri obiettivi finanziari e di investimento, trovando il giusto bilanciamento in termini di duration, flusso cedolare e rating delle obbligazioni da inserire nel portafoglio.

In seguito, si passa alla fase di selezione dei fondi, ovvero la scelta del miglior ETF obbligazionario da scegliere per ogni segmento obbligazionario sul quale si desidera investire: come per esempio l’obbligazionario globale, l’obbligazionario corporate o quello dei paesi emergenti. A Moneyfarm utilizziamo un criterio di selezione molto rigoroso per scegliere il fondo migliore per ogni categoria, attraverso un punteggio che premia gli ETF obbligazionari più scambiati, più economici quotati su Borsa Italiana e certe tipologie di rollover e di ottimizzazione. Qui di seguito alcuni dei fondi che abbiamo selezionato per alcune tra le più popolari categorie obbligazionarie.

ETF sui titoli di stato

Per quanto riguarda le obbligazioni governative scegliamo per l’Europa Lyxor Euro Government Bond e per quanto riguarda gli Stati Uniti il Lyxr Us Treas 10+Y(Dr) Mntly Hd Ucits.

ETF sui titoli di stato emergenti in valuta locale

La nostra scelta per l’ETF sui titoli di stato emergenti in valuta locale, una categoria dominata dai titoli di stato cinesi, la nostra scelta va verso lo SPDR Bloomberg Barclays Emerging Markets Local Bond UCITS ETF

ETF obbligazionario globale sui titoli di Stato

In questa categoria il fondo che abbiamo scelto è XTRACKERS II GL GOVT EUR HED C UCITS ETF un prodotto che si distingue per un costo molto basso e l’ottima liquidità.

ETF obbligazionario dei paesi emergenti (titoli di Stato)

Per quanto riguarda ETF sui bond dei Paesi emergenti, segnaliamo SPDR BL BAR EM MKTS LOCAL BOND UCITS ETF e ISHARES JPMOR $ EM BOND EU HED UCITS ETF.

ETF obbligazionari Corporate ad alto rendimento ed Europa

Per queste due categorie abbiamo selezionato rispettivamente LYXOR EURO GOVERNMENT BOND 1-3 UCITS ETF e XTRACKERS II EUR CORPORAT BOND UCITS ETF.

Se vuoi scoprire la strategia di investimento cucita introno alle tue esigenze ti basterà completare il breve percorso online.

SCOPRI LA STRATEGIA IN ETF PERSONALIZZATA

Prova Moneyfarm

Moneyfarm è il Consulente Finanziario Indipendente che ti guida e gestisce il tuo capitale con un investimento su misura e un consulente dedicato sempre al tuo fianco.

Simula un portafoglio personalizzato

- Votati migliore servizio di consulenza finanziaria in Italia per il quarto anno consecutivo
- Scelti da più di 160.000 investitori in tutta Europa
- Consigliati da più del 90% dei nostri clienti