Pubblicato in:

Investi il Tfr con il Fondo Pensione e risparmia sulle tasse


Il Tfr, o liquidazione, è un asset fondamentale per la propria pianificazione finanziaria e una grande opportunità dal punto di vista previdenziale.

Si tratta quindi di un piccolo capitale che si accumula negli anni di lavoro e che il lavoratore stesso può decidere come impiegare. Il lavoratore ha tempo 6 mesi, a partire dalla data in cui è stato assunto, per decidere se lasciare il TFR in azienda o versarlo in un fondo pensione. Nel caso abbia deciso per l’azienda, è bene sapere che può poi in qualsiasi momento decidere di cambiare e destinare il TFR ad una forma di previdenza complementare.

Investi il Tfr con il Fondo Pensione e risparmia sulle tasse – Tabella Iniziale

❓ Che cosa significa la sigla TFR?Trattamento di Fine Rapporto
🤓 TRF e liquidazione sono la stessa cosa?Sì, sono la stessa cosa
✅ Opzioni Disponibili con il TFRLasciare il TFR in azienda
Versarlo in un fondo pensione
⚖️ Cosa conviene?Investirlo in una pensione complementare

Molti lavoratori non prestano la necessaria attenzione allo sfruttamento efficiente di questa risorsa, che spesso rischia di disperdersi in piccoli bonus tra un cambio di lavoro e l’altro oppure – per i lavoratori che restano per lungo tempo con la stessa azienda – di restare parcheggiata senza poter fruttare quanto potrebbe. Con una buona gestione il Tfr potrebbe diventare invece diventare una risorsa fondamentale per raggiungere gli obiettivi finanziari primari: mi riferisco alla casa, la protezione della salute e alla pensione.

Il dilemma di ogni lavoratore dipendente: Tfr dentro o fuori l’azienda?

Nel medio-lungo termine la scelta migliore per il Tfr è l’investimento in una forma in uno strumento di previdenza complementare, una soluzione che offre anche ottimi benefici fiscali.

I rendimenti del TFR in azienda è fissato  all’1,5% + il 75% dell’inflazione. Scegliendo in uno strumento di previdenza che investe sui principali mercati di tutto il mondo, leghiamo la redditività della nostra pensione alla crescita dei mercati globali nel lungo termine (che negli ultimi decenni hanno fatto registrare performance di molto superiori con un orizzonte temporale anche breve). Non vincolare eccessivamente il nostro risparmio al destino economico dell’Italia a cui siamo già legati con il lavoro e le proprietà immobiliari è inotlre una scelta previdente.

I vantaggi fiscali sono inoltre molto chiari: una tassazione finale che può scendere fino al 9% (contro il 23% minimo del TFR in azienda).

Scopri la proposta d'investimento costruita per te

1. Crea il tuo profilo
2. Scopri il tuo portafoglio
3. Comincia a investire
Simula un portafoglio

Tassazione e rendimento del TFR nel fondo pensione

Decidere di versare il TFR in un fondo pensione permette di accedere a diversi vantaggi fiscali della previdenza complementare, sia sul capitale versato che sui rendimenti. I vantaggi sono: I rendimenti maturati sono soggetti a un prelievo fiscale del 12,5% sui rendimenti dei titoli di Stato e del 20% su altri investimenti. Le prestazioni finali sotto forma di rendite o capitale sono tassate con un’aliquota del 15% che si riduce nel tempo al 9% se rimangono nella cassa pensione per più di quindici anni. I fondi pensione quindi offrono ai lavoratori la possibilità di guadagnare di più in futuro.

TFR in azienda o in un fondo pensione: esempio di tassazione

Un semplice esempio ci aiuta a capire l’impatto della tassazione. Nell’esempio in questione, un dipendente ha maturato un TFR in un fondo pensione pari alla somma di 100000€, per un periodo di 40 anni. In questo caso la tassazione sarà pari al 9%, e quindi 9000€, con un netto per il dipendente di 91000€. In questo caso la tassazione sarà molto minore rispetto al TFR in azienda, dove a fine rapporto viene applicata un’aliquota pari al 35% della somma del TFR.

Più alto è il reddito, più alte sono le tasse. Questo perché il governo vuole raccogliere fondi per finanziare servizi pubblici come scuole, ospedali, strade, ecc. Di conseguenza, il governo utilizza parte del nostro stipendio per pagare questi servizi.

Il Tfr nel Fondo Pensione è chiuso a chiave? Falso.

Si dirà: “lasciare il TFR in azienda mi offre più flessibilità nell’utilizzare le mie risorse”.

Niente di più sbagliato:

  • Se comunque risparmiarmi e investi con obiettivi di lungo termine a prescindere dal Tfr, risolvere l’obiettivo previdenziale con il Tfr ti permette di liberare più risorse accantonate a strumenti più flessibili con obiettivi di medio-breve periodo.
  • Inoltre i soldi nel Tfr non sono bloccati. Dopo 8 anni di contributi possono essere utilizzati per spese importanti – come l’acquisto e la ristrutturazione della casa. Mentre l’utilizzo del TFR in azienda è legato alla tua permanenza sul posto di lavoro, un aspetto su cui è più difficile pianificare.

Il team di consulenza di Moneyfarm è a disposizione di tutti coloro che volessero individuare una collocazione più efficiente del proprio TFR nell’ambito della propria strategia finanziaria generale.

PIANIFICA LA TUA PENSIONE

 

Domande frequenti

Dove è meglio investire il TFR?
Le opzioni migliori a disposizione del lavoratore che intende investire il proprio TFR consistono nel fondo pensione aperto o nel fondo pensione chiuso.
Come spostare il TFR dall’azienda ad un fondo?
Trascorsi 8 anni di versamento dei contributi il TFR può essere liberamente trasferito dal fondo aziendale all’esterno.
Come investire i soldi della liquidazione?
I soldi ricevuti con la liquidazione possono essere investiti e messi a frutto attivando uno strumento di previdenza complementare.

Prova Moneyfarm

Moneyfarm è il Consulente Finanziario Indipendente che ti guida e gestisce il tuo capitale con un investimento su misura e un consulente dedicato sempre al tuo fianco.

Simula un portafoglio personalizzato

- Premiati per il 7° anno consecutivo “Miglior Consulente Finanziario Indipendente in Italia”
- Superati i 2 miliardi di euro di risparmi in gestione
- Scelti da più di 80.000 investitori attivi in tutta Europa
- Consigliati da più del 90% dei nostri clienti