Pubblicato in:

Speciale elezioni Regno Unito – L’analisi di Richard Flax

Nel Regno Unito, il Primo Ministro Rishi Sunak ha indetto le elezioni generali per il 4 luglio, con i laburisti in vantaggio di circa il 20% nei sondaggi. Dato questo vantaggio, una consistente maggioranza laburista è il risultato più probabile. Di solito, i partiti di opposizione non sono in vantaggio del 20% se il Paese è in una situazione felice.

Dal punto di vista degli investimenti, ci sono alcune cose da considerare.

In primo luogo, c’è da chiedersi: perché proprio ora? In teoria Sunak avrebbe potuto aspettare l’autunno per indire le elezioni, sperando che dati economici migliori potessero migliorare il sentimento dei consumatori. Forse questo significa che il Primo Ministro e i suoi consiglieri non sono così ottimisti sul fatto che l’economia migliorerà nei prossimi mesi. Magari questa analisi può sembrare eccessiva, ma in ogni caso getta un’ombra sul messaggio di un’inflazione più bassa e di una crescita leggermente migliore.

In secondo luogo, cosa potremmo aspettarci da un nuovo governo laburista? Dato che sono nettamente in vantaggio nei sondaggi, forse non sorprende che Keir Starmer non abbia ancora detto molto sui suoi piani. Ha sottolineato la necessità di creare stabilità per le imprese britanniche, il che sarebbe una notizia gradita. Ma questo lascia ancora aperta la questione di cosa fare dopo. Hanno cercato di dissipare l’idea di un aumento delle tasse, ma resta sempre il timore che un governo entrante, di qualsiasi tipo, aumenti le tasse. Non ci si stupirebbe troppo se Rachel Reeves si alzasse dopo due mesi in parlamento per dire qualcosa del tipo: “Mi dispiace molto, è tutto molto peggio di quanto pensassimo, alla fine dobbiamo aumentare le tasse”. Questo tipo di incertezza non aiuta di certo gli asset finanziari del Regno Unito.

Sarà interessante vedere come si svolgeranno i cambiamenti, ad esempio con l’abolizione dello status di non-dom (i residenti nel Regno Unito con residenza/domicilio fiscale all’estero). È probabile che alcuni dei 68.000 “non-dom” dichiarati abbiano già iniziato a prendere provvedimenti per ridurre la loro presenza nel Regno Unito. Questo potrebbe avere un impatto sulla base imponibile? Si tratta di un numero esiguo di famiglie, ma la base imponibile del Regno Unito è piuttosto ristretta. Ad esempio, secondo la Camera dei Comuni, il 10% dei contribuenti contribuisce a circa il 60% del gettito fiscale.  In modo simile, un governo laburista ripristinerebbe un assegno pensionistico a vita? Pensiamo che non lo farebbe per un po’ di tempo e probabilmente non tornerebbe allo stesso livello. E la prospettiva dell’IVA sulle rette delle scuole private? Sembra probabile, ma pensiamo che ci sia una discreta possibilità che sia fiscalmente negativa, dato che un maggior numero di studenti si rivolgerebbe al settore statale, a prescindere da altre considerazioni. 

Come spesso accade, le sfide vanno oltre i partiti politici. Come ha osservato il Fondo Monetario Internazionale, già questa settimana il Regno Unito si trova ad affrontare difficoltà di bilancio – non ultime l’elevata pressione fiscale e l’aumento del debito in rapporto al PIL. Molti di questi problemi potrebbero essere migliorati con una crescita più rapida. Un governo entrante spererebbe in una riaccelerazione dell’economia nei prossimi trimestri, anche per incrementare il gettito fiscale. Questo potrebbe andare bene nel breve periodo, ma è difficile ottenere tassi di crescita più elevati in modo duraturo. 

Scopri la proposta d'investimento costruita per te

1. Crea il tuo profilo
2. Scopri il tuo portafoglio
3. Comincia a investire
Simula un portafoglio
Il tuo capitale investito è a rischio di perdita

Dove ci porta tutto questo? Un governo laburista in carica cercherà di rassicurare le imprese e i finanziatori (alias gli investitori in obbligazioni) che sono in mani sicure. Ma le condizioni di partenza, caratterizzate da una crescita lenta, da un’elevata pressione fiscale e da scarsi investimenti nelle infrastrutture, creano una serie di sfide difficili per qualsiasi politico.

Vediamo valore negli asset britannici, ma è ancora corretto sostenere la necessità di portafogli diversificati a livello globale, anche se il Regno Unito non è l’unico ad affrontare questo tipo di sfide.

 

Richard Flax

Richard è il Direttore degli Investimenti di Moneyfarm. Si è unito all’azienda nel 2016. È responsabile di tutti gli aspetti della gestione del portafoglio e della sua costruzione. Prima di entrare a far parte di Moneyfarm, Richard ha lavorato a Londra come analista azionario e gestore del portafoglio presso PIMCO e Goldman Sachs Asset Management, e come analista obbligazionario presso Fleming Asset Management. Richard ha iniziato la sua carriera nel settore finanziario a metà degli anni ’90 nel team di economia globale di Morgan Stanley a New York. Ha conseguito una laurea in Storia presso l’Università di Cambridge, una laurea magistrale in Relazioni Internazionali ed Economia presso la Johns Hopkins University e un MBA presso la Columbia University Graduate School of Business. 

 

Hai trovato questo contenuto interessante?

Hai già votato, grazie!

*Gli investimenti in strumenti finanziari sono soggetti alla variabilità del mercato e possono determinare la perdita, in tutto o in parte, del capitale inizialmente investito.