Pubblicato in:

Il TER e i costi degli investimenti in fondi comuni

I costi dei Fondi Comuni

Il TER (Total Expense Ratio) è il primo parametro per valutare il costo di gestione dei fondi comuni. Il TER infatti comprende, le spese di commissione dei gestori del fondo, delle retrocessioni concesse al collocatore, le spese della società di revisione, del compenso della banca depositaria e di altri oneri a carico del fondo.

Ma non è finita qui, infatti, oltre al TER, per i fondi occorre considerare anche le performance fees ed i costi di transazione derivanti dall’attività di compravendita del fondo stesso.

Di fronte quindi alla scelta di un buon portafoglio d’investimento è necessario sicuramente tenere d’occhio le spese del fondo e compararle con investimenti con costi di gestione minori, come gli ETF suggeriti da MoneyFarm.

ter

Scopri la proposta d'investimento costruita per te

1. Crea il tuo profilo
2. Scopri il tuo portafoglio
3. Comincia a investire
Simula un portafoglio

Nel 2012 il TER ponderato per il patrimonio dell’industria dei fondi italiani è risalito arrivando a sfiorare i massimi storici pre-crisi (1,39% nel 2012 vs 1,44% nel 2006). I fondi azionari risultano sicuramente quelli con il Ter più alto mentre quelli monetari presentano spese di commissione molto limitate; tra i fondi azionari, quelli più cari sono sicuramente i fondi Azionari Italia (2,69%) seguiti dai fondi specializzati sugli Emerging Markets (2,49%). Tra i fondi obbligazionari, risultano sicuramente più cari quelli specializzati in investimenti sui bond che hanno un rating inferiore a BB+ (High-yeld bonds).

ter 2

Ad accaparrarsi una buona fetta delle spese di commissione sono i collocatori che nel 2012 hanno incassato il 71% circa dei ricavi dei gestori (1,1 Miliardi vs 1,5 Miliardi di ricavi). Le Sgr che hanno fornito il più grosso introito ai collocatori sono certamente Carige A.M. Sgr ed Eurizon Capital con una percentuale di retrocessioni pari al 80,9% ed 80,7% rispettivamente.

Con l’obbiettivo di abbattere le spese di commissione, Moneyfarm ti consiglia di investire in ETF in quanto il TER per questa classe di prodotti è molto più basso e varia da 0,15% dell’investito per gli ETF che replicano indici obbligazionari, a circa 0,20% per gli azionari, allo 0,50% per gli ETF con strategie più complesse su indici meno liquidi come quelli dei mercati emergenti o materie prime. Inoltre i nostri portafoglio di investimento non prevedono il pagamento di alcuna performance fee.

Prova Moneyfarm

Moneyfarm è il Consulente Finanziario Indipendente che ti guida e gestisce il tuo capitale con un investimento su misura e un consulente dedicato sempre al tuo fianco.

Simula un portafoglio personalizzato

- Premiati per il 7° anno consecutivo “Miglior Consulente Finanziario Indipendente in Italia”
- Superati i 2 miliardi di euro di risparmi in gestione
- Scelti da più di 80.000 investitori attivi in tutta Europa
- Consigliati da più del 90% dei nostri clienti