Pubblicato in:

Un anno dalla bolla: che fine hanno fatto le criptovalute?

Esattamente un anno fa erano l’argomento di conversazione più in voga sulla tavola degli italiani: la bolla delle criptovalute (Bitcoin e similari) era l’argomento di discussione che riusciva a interessare parenti vicini e lontani e a unire tutte le generazioni. Proprio sotto Natale la febbre raggiunse l’apice, con il prezzo di scambio del Bitcoin che superò i 20.000 dollari al gettone. Nuove monete digitali venivano quotate ogni settimana e moltissime società, non sempre affidabili, adottarono il denaro digitale come mezzo alternativo per autofinanziarsi.

Il 2018 è stato un anno di tutt’altro segno per le valute digitali: in generale quasi tutti i coins hanno perso gran parte del proprio valore. Il Bitcoin oggi si scambia poco sopra i 3000 $, Ethereum che un anno fa viaggiava a valutazioni vicini ai 1000 dollari, si può acquistare oggi per poco più di 100 dollari, molti dei gettoni non hanno più alcun valore.

Quando le criptovalute si trovavano all’apice della propria valutazione, avvertimmo i risparmiatori sui rischi di questo tipo di investimento, a tutti gli effetti una scommessa sul quale rischiare (se proprio si deve) solo una parte irrilevante del proprio patrimonio. La storia delle criptovalute è a tutti gli effetti la storia di una bolla finanziaria, una bolla  relativamente piccola (che non ha contagiato esplodendo, i mercati finanziari) che si è gonfiata ed è esplosa in un tempo relativamente breve: una storia paradigmatica che ci racconta quanto può essere rischioso approcciarsi ai mercati finanziari senza un guida e con poca consapevolezza.

Come si è creata la bolla?

La bolla delle criptovalute è stata favorita da diverse caratteristiche strutturali di questo tipo di mercato:

  • Un mercato relativamente piccolo (che anche nei momenti di massima espansione non ha superato la capitalizzazione teorica di 300 miliardi di dollari) che ha goduto di un’attenzione spropositata. Ciò è dovuto soprattutto a delle campagne di comunicazione ben orchestrate da parte di alcuni grandi investitori.
  • La confusione che si e generata tra le criptovalute come strumento di investimento e la tecnologia blockchain (l’innovazione che è alla base di esse). I molti endorsement, anche istituzionali, che questa tecnologia ha ricevuto sono stati interpretati dal pubblico come un fattore di stabilità per le criptovalute come classe di investimento, anche in assenza di una relazione reale tra questi due fattori.
  • Un mercato totalmente deregolamentato e opaco, all’interno del quale non solo non è stata garantita alcuna protezione per gli investitori, ma sono state possibili pratiche di manipolazione dei prezzi (come l’eccessiva concentrazione e il controllo dell’offerta). Se pochi investitori possiedono una parte molto rilevante di un mercato, essi possono inflazionare i prezzi con relativa facilità, limitando per esempio la circolazione degli strumenti e sostenendo il valore con acquisti mirati.

Perché è scoppiata la bolla?

La storia ufficiale vuole che le criptovalute siano finite sotto scrutinio da parte dei regolatori a causa delle numerose truffe e dei vari problemi di sicurezza che si sono verificati. Questi fattori avrebbero creato sfiducia, facendo crollare i prezzi.

In realtà la bolla è esplosa proprio perché si trattava di una bolla e le bolle prima o poi esplodono. Quando in tutte le cene di Natale si parla di criptovalute, quando anche moltissimi outsider (investitori non professionisti che entrano in un mercato per emulazione, inseguendo i guadagni) cominciano investire sull’onda dell’entusiasmo, gli insider, coloro che si trovavano nel mercato da più tempo e hanno più capacità e risorse, semplicemente monetizzano la propria posizione. Secondo voi chi paga il conto?

Scopri la proposta d'investimento costruita per te

1. Crea il tuo profilo
2. Scopri il tuo portafoglio
3. Comincia a investire
Simula un portafoglio

Ma mio cugino conosce un tale che è diventato ricchissimo…

In ogni bolla esiste sempre qualcuno che salendo e scendendo dalla giostra al momento giusto riesce ad accumulare grandi fortune, almeno in teoria (poi monetizzare e un altro discorso). Quindi esisterà sicuramente qualcuno che è riuscito ad accumulare dei buoni profitti (specialmente tra le persone che credettero in questo investimento prima degli ultimi 24 mesi). Tuttavia la maggior parte degli investitori ha perso somme relativamente ingenti.

Questo vuol dire che le criptovalute sono finite?

Non necessariamente. A oggi un Bitcoin vale oltre 3000 dollari, si tratta di una cifra importante se confrontata con le valutazioni di due/tre anni fa. Il mercato è talmente piccolo che alcune criptovalute potrebbero mantenere un valore nel lungo termine (sempre che il regolatore non intervenga o non ci sia un grave problema tecnologico), ma la maggior parte di esse sono destinate ad andare a fondo. La bolla potrebbe anche ricominciare a gonfiarsi perché i fattori che hanno portato alla sua esplosione sono in un certo senso ancora presenti.

L’importante e capire che le criptovalute non hanno nessun valore intrinseco, avranno un valore finché persisterà un interesse e una fiducia degli investitori in questo questo mercato, quando questa dinamica si fermerà il valore potrebbe scendere molto velocemente a 0.

Ma la tecnologia blockchain? Le criptovalute sono i soldi del futuro?

La tecnologia blockchain è un innovazione positiva che offre un pratico sistema di scambio in tutti quei campi dove servirebbe coinvolgere una terza parte come garanzia (come, per esempio, le compravendite immobiliari). La tecnologia continuerà ad applicarsi ma non necessariamente sarà legata al successo delle criptovalute, le due cose sono in un certo senso distinte.

Per quanto riguarda il sistema monetario la garanzia di una terza parte (lo Stato, la banca centrale) non serve solo a garantire la regolarità degli scambi (cosa che potrebbe fare un sistema basato sulla blockchain). Le istituzioni hanno anche il compito di regolare la dimensione della base monetaria e garantire la sicurezza; se mai un giorno il sistema monetario sarà regolato da una tecnologia di tipo blockchain difficilmente essa sarà al di fuori del controllo pubblico.

In definitiva la storia dell criptovalute dimostra quanto la prospettiva di guadagnare molto denaro molto in fretta possa agire come una motivazione irresistibile. Moltissime persone, anche digiune di finanzia e di investimenti, si sono trovate coinvolte, senza accorgersene, in un’attività di trading altamente speculativa, senza l’adeguata mediazione e le adeguate protezioni: una storia che ci ricorda ancora una volta perché, nella maggior parte delle situazioni, c’é bisogno di una guida esperta per navigare i mercati finanziari.

Prova Moneyfarm

Moneyfarm è il Consulente Finanziario Indipendente che ti guida e gestisce il tuo capitale con un investimento su misura e un consulente dedicato sempre al tuo fianco.

Simula un portafoglio personalizzato

- Votati migliore servizio di consulenza finanziaria in Italia per il quarto anno consecutivo
- Scelti da più di 160.000 investitori in tutta Europa
- Consigliati da più del 90% dei nostri clienti