Pubblicato in:

Troppi risparmi sul conto: ecco perché è una scelta che può costarti caro

Ascolta l’articolo (5 minuti).

Listen to “Troppi risparmi sul conto: ecco perché è una scelta che può costarti caro.” on Spreaker.

In Italia ci sono troppe risorse bloccate sui conti correnti. Tenere troppo risparmio fermo sui conti correnti è una scelta molto rischiosa: perché condanna il capitale a deprezzarsi a causa dell’inflazione. Nei prossimi anni i rendimenti dei conti correnti continueranno a essere nulli e l’inflazione sarà probabilmente più alta. Se hai troppi risparmi sul conto dovresti investire in una soluzione a rischio controllato sin da subito,  per sfruttare l’effetto di composizione degli interessi.

Per chi ha fretta:

  • Gli italiani tengono sui conti correnti la cifra record di 1800 miliardi.
  • Il conto corrente ha due costi: quelli diretti associati alla sua gestione e i costi opportunità legati ai mancati rendimenti.
  • L’effetto negativo dei mancati rendimenti si vede soprattutto nel lungo periodo perché si rinuncia all’effetto di composizione degli interessi (reinvestimento dei rendimenti). Perdere rendimenti oggi significa rinunciare all’accumulo degli interessi con conseguenze negative esponenziali nel lungo termine.
  • In 10 anni un inflazione al 2% può portare a un deprezzamento del valore reale del capitale di quasi il 19%. Questo vuol dire che 10.000€ varranno l’equivalente di 8.161€
  • L’inflazione, secondo le stime di oggi, sarà più alta nei prossimi anni di quanto lo sia stata nei tempi passati.
  • Se hai risparmi sul conto corrente è il momento di iniziare un piano di investimento costruito intorno alle tue esigenze di rischio e rendimento.
SCOPRI IL TUO PROFILO DI RISCHIO SENZA IMPEGNO

Gli italiani tengono tanti, troppi, risparmi sui conti correnti. Sono oltre 1.800 i miliardi parcheggiati sui conti a ottobre 2021 e  differenza di quanto si possa pensare, non si tratta di una notizia positiva. Tenere per troppo a lungo i risparmi sul conto corrente significa rinunciare a generare un rendimento, condannando il valore reale del capitale a diminuire.

Se hai dei risparmi fermi sul conto corrente è come se stessi pagando un costo, non solo costi diretti di gestione dei conti correnti sempre più alti, ma soprattutto il costo (opportunità) della scelta di non generare i rendimenti che si sarebbero potuti accumulare nel lungo termine. I rendimenti degli investimenti tendono infatti ad accumularsi nel lungo termine, grazie all’extra rendimento generato dall’investimento dei profitti, quindi esporre il proprio capitale a rendimenti bassi per lungo tempo vanifica l’effetto di composizione.

Proviamo a comparare la performance di vari investimenti da 100.000€ negli ultimi 10 anni.

Come si può notare dal grafico, gli strumenti di liquidità avrebbero generato rendimenti piuttosto ridotti rispetto ad altri tipi di rendimenti finanziari. Certo nessuno può prevedere le performance future dei mercati, ma ciò di cui possiamo essere certi è che nei prossimi anni il cash continuerà a generare rendimenti ridotti.

Scopri la proposta d'investimento costruita per te

1. Crea il tuo profilo
2. Scopri il tuo portafoglio
3. Comincia a investire
Simula un portafoglio

Se hai scelto di non investire parte della tua liquidità non stai tanto perdendo occasioni di mercato nel breve (dove i mercati possono andare sia in positivo, sia in negativo), quanto soprattutto la potenzialità di sfruttare l’effetto di composizione degli interessi nel lungo periodo.  Questo può avere delle conseguenze negative esponenziale sulla costruzione della tua ricchezza nel lungo termine.

L’effetto silenzioso dell’inflazione

C’è poi da considerare la “tassa” dell’inflazione. L’aumento dei prezzi al consumo, agisce come un’imposta nascosta con un impatto negativo sui depositi: se i prezzi aumentano, il valore reale del denaro diminuisce. Questo effetto, anche se difficilmente apprezzabile nell’immediato, può diventare molto significativo su orizzonti temporali lunghi. Facciamo un esempio: 10.000€ lasciati su un conto corrente per dieci anni possono arrivare a perdere, tra spese per la gestione del conto e diminuzione del potere d’acquisto, fino al 18% del proprio valore reale (immaginando un tasso di inflazione del 2% annuo). Questo vuol dire che gli stessi 10.000€ varranno l’equivalente di 8.161€.

Nella tabella sopra puoi notare come negli scorsi 10 anni l’inflazione, nonostante sia stata contenuta, avrebbe agito portando addirittura in negativo il valore reale del patrimonio. Nei prossimi anni il livello di inflazione, stando alle stime odierne, potrebbe essere superiore andando ad erodere in modo ancora più significativo il valore del risparmio.

Sempre più avversione al rischio

L’alternativa al conto corrente è l’investimento finanziario, che nel tempo aiuta a controbilanciare l’effetto dell’inflazione e generare un rendimento positivo. Ma in momenti incerti, si tende ad assumere un atteggiamento troppo cautelativo. Nei mesi di marzo e aprile dello scorso anno, quando i mercati azionari hanno fatto registrare delle perdite, molti investitori hanno scelto di disinvestire optando per strumenti monetari e conti correnti con rendimenti nulli. Ma coloro che hanno optato per questa opzione, magari sull’onda dell’emotività, hanno probabilmente perso l’opportunità di partecipare alla ripresa dei mercati finanziari che si è verificata a partire da maggio: cristallizzando una perdita significativa.

Un approccio professionale per proteggere il capitale

Questo non vuol dire che, seppur investendo, non si debbano prendere le precauzioni necessarie per proteggere il proprio capitale. Adottare un orizzonte di medio-lungo termine, diversificare il proprio portafoglio sono alcune delle strategie per bilanciare la necessità di creare rendimento con quella di non esporsi eccessivamente alle fluttuazioni di mercato. Per fare ciò, può essere utile ricorrere al supporto di professionisti nella definizione di una strategia finanziaria adeguata.

Se hai disponibilità di liquidità, optare per una consulenza finanziaria personalizzata e indipendente – come quella offerta da Moneyfarm – permette di creare un portafoglio di investimento in grado allo stesso tempo di limitare i rischi e non perdere opportunità di rendimento di lungo periodo. Scopri senza impegno la nostra proposta personalizzata intorno ai tuoi obiettivi completando il veloce percorso online.

COMINCIA ORA

Prova Moneyfarm

Moneyfarm è il Consulente Finanziario Indipendente che ti guida e gestisce il tuo capitale con un investimento su misura e un consulente dedicato sempre al tuo fianco.

Simula un portafoglio personalizzato

- Votati migliore servizio di consulenza finanziaria in Italia per il quarto anno consecutivo
- Scelti da più di 160.000 investitori in tutta Europa
- Consigliati da più del 90% dei nostri clienti