Pubblicato in:

I robo-advisor gestiranno 13mila miliardi entro il 2025

Pubblichiamo l’articolo apparso su Repubblica Affari&Finanza a firma di Giovanni Daprà, CEO di Moneyfarm.

La rivoluzione Fintech

La rivoluzione Fintech ha vissuto due momenti. La prima fase è stata quella dirompente, e ha riguardato i servizi a basso valore aggiunto. La seconda fase ha invece riguardato i servizi ad alto valore aggiunto, i servizi più complessi dove la sola innovazione tecnologica non si è dimostrata sufficiente per imporre il cambiamento dei modelli prevalenti.

La prima fase è trainata dall’offerta: caratterizzata da nuove tecnologie più efficaci che si sono imposte con grande rapidità andando a sostituire i vecchi modelli di servizio (si pensi al sistema dei pagamenti). La seconda fase è invece guidata dalla domanda e sfrutta la tecnologia per ridisegnare i servizi intorno alle esigenze dei consumatori.

Qualche anno fa era opinione diffusa che Internet avrebbe cambiato repentinamente anche un’industria come quella della gestione del risparmio, notoriamente resistente all’innovazione. Ciò che si è capito chiaramente solo in seguito è che l’evoluzione non sarebbe avvenuta attraverso la distruzione, bensì attraverso l’integrazione.

-Tendenze per il Fintech nel 2018

-La Fintech Bible, la nostra guida al Fintech

 

Scopri la proposta d'investimento costruita per te

1. Crea il tuo profilo
2. Scopri il tuo portafoglio
3. Comincia a investire
Simula un portafoglio

Un equilibrio da trovare

In un certo senso, per quanto riguarda i servizi di gestione, l’industria deve ancora individuare la posizione di equilibrio ottimale tra capitale umano e capitale tecnologico nello schema produttivo. Per questa ragione la definizione stessa di robo-advisory resta piuttosto permeabile. Sotto questa etichetta si radunano tutte quelle iniziative che integrano nel modello tradizionale di gestione del risparmio delle famiglie le nuove tecnologie digitali.

Ci sono piattaforme online che automatizzano il processo di investimento e affidando a un algoritmo le scelte precedentemente demandate al gestore. Altre aziende, come quella che dirigo, inseriscono degli elementi di automazione nel momento della consulenza per offrire soluzioni di investimento a costi accessibili – ma di elevata qualità e personalizzazione – a una clientela ampia. In altri casi a essere automatizzato è semplicemente il canale di contatto con il cliente. Non più la filiale o il promotore, ma un portale online.

-Scopri cosa si intende per robo-advisory

Il futuro del risparmio

I robo-advisor sono in definitiva tutte quelle iniziative che stanno cambiando l’industria della gestione del risparmio, anticipando quella che con grande probabilità sarà la sua forma prevalente nel prossimo futuro: un modello ibrido, nel quale la tecnologia sarà al servizio di professionisti altamente specializzati.

Le stime su quanto grande questo settore diventerà sono estremamente varie, Morgan Stanley parla di masse gestite tra i 3.000 e i 13.000 miliardi di dollari entro il 2025. Quello che è certo è che non si parlerà più di robo-advisory come non si parlerà più di Fintech, i confini di quello che sembra essere oggi un processo tecnologico e industriale ben definito diventeranno sempre più labili. Nel futuro l’accesso di massa a servizi finanziari di qualità sarà una necessità ineludibile e il mercato non potrà far altro che andare in questa direzione.

-Il nostro talk con Davide Casaleggio sull’industria del futuro

Prova Moneyfarm

Moneyfarm è il Consulente Finanziario Indipendente che ti guida e gestisce il tuo capitale con un investimento su misura e un consulente dedicato sempre al tuo fianco.

Simula un portafoglio personalizzato

- Votati migliore servizio di consulenza finanziaria in Italia per il quarto anno consecutivo
- Scelti da più di 160.000 investitori in tutta Europa
- Consigliati da più del 90% dei nostri clienti