Pubblicato in:

Osservatorio sui mercati globali: giugno 2022

Le ultime due settimane di maggio hanno dato un po’ di respiro agli investitori. Il comparto obbligazionario e azionario hanno chiuso il mese sostanzialmente invariati, nonostante un inizio non proprio brillante per l’azionario. Altra notizia positiva riguarda la decorrelazione tra le due asset class: se ad aprile le vendite sui mercati finanziarie erano state indiscriminate, a inizio maggio c’è stato un cambio di regime, con i titoli di reddito fisso che hanno retto bene a fronte del contesto di avversione al rischio generalizzato.

I verbali della Fed dell’ultima riunione del Comitato Fomc hanno evidenziato due questioni chiave nell’economia: la crescita del Pil e l’inflazione. Quest’ultima è ancora l’argomento che tiene maggiormente banco tra gli addetti ai lavori, tanto da rimanere  trainante nella politica della Fed, che ha deciso un aumento del tasso dello 0,5% nella sua ultima riunione nonostante segnali di un potenziale rallentamento dell’economia. 

Certo un livello di crescita sotto le stime resta un tema da tenere d’occhio, ma nel verbale viene sottolineato come: “la spesa delle famiglie e gli investimenti fissi delle imprese sono rimasti forti” mentre “il tasso di disoccupazione è diminuito sostanzialmente”. In un clima del genere, dunque, non dovrebbero esserci ostacoli verso il percorso di crescita dei tassi di interesse.

Scopri la proposta d'investimento costruita per te

1. Crea il tuo profilo
2. Scopri il tuo portafoglio
3. Comincia a investire
Simula un portafoglio

Scopri come costruiamo il tuo percorso d'investimento

Prova Moneyfarm

  1. Crea il tuo profilo
  2. Scopri il tuo portafoglio
  3. Scegli quando investire
Prova Moneyfarm

Ma l’outlook positivo sull’economia potrebbe invertirsi durante la prossima riunione del Comitato del 15 giugno. I problemi di crescita inizieranno a influenzare l’azione degli investitori e la politica della Fed?

Partiamo da un dato: l’attività manifatturiera americana si è rafforzata a maggio. Lo indica l’Ism – Insitute for Supply Management- sulla base del consueto sondaggio mensile. L’indice, che misura il livello di fiducia dei direttori di acquisto del settore manifatturiero, si è attestato a 56,1 punti dai 55,4 di aprile. Il dato risulta superiore anche rispetto alle attese degli analisti che lo stimavano a 54,5 punti. Questo indicatore è importante perché viene usato per valutare lo stato di salute del settore manifatturiero statunitense e al momento resta ben oltre la soglia chiave di 50, che fa da spartiacque tra espansione e contrazione dell’attività.

Posizionamento di portafoglio

Ci sono ancora molte incognite all’orizzonte: i dati macroeconomici danno segnali misti e la spada di Damocle della politica monetaria continua a pendere sulle valutazioni azionarie e obbligazionarie, in quadro che vede l’inflazione tutt’altro che risolta. Le valutazioni negli ultimi 6 mesi si sono abbassate di molto, e sebbene offrano ancora un rendimento atteso dell’azionario relativo non elevato rispetto ai tassi obbligazionari, in senso assoluto offrono buone probabilità di ottenere un rendimento positivo nel medio e lungo termine.

Per quanto riguarda la duration, rimaniamo convinti della nostra esposizione relativamente bassa, dato anche l’appiattimento della curva dei tassi americana. Infine, per proteggere dai rischi geopolitici e inflattivi, manteniamo investimenti significativi in materie prime e, per i portafogli a rischio più basso, in bond indicizzati all’inflazione. 

Prova Moneyfarm

Moneyfarm è il Consulente Finanziario Indipendente che ti guida e gestisce il tuo capitale con un investimento su misura e un consulente dedicato sempre al tuo fianco.

Simula un portafoglio personalizzato

- Premiati per il 7° anno consecutivo “Miglior Consulente Finanziario Indipendente in Italia”
- Superati i 2 miliardi di euro di risparmi in gestione
- Scelti da più di 80.000 investitori attivi in tutta Europa
- Consigliati da più del 90% dei nostri clienti