Pubblicato in:

Mercati finanziari: review settimanale [26-30 Ottobre]

Mercati finanziari

Lunedì 26 ottobre

  • Escono i dati sul sentiment dell’economia tedesca. L’indice sulla valutazione dell’attuale situazione tedesca da parte delle imprese è risultato minore delle attese (112,6 punti vs 113,5),  ma quello sulle aspettative di business tedesco (103,8 punti vs 102,4) e quello IFO sulla fiducia delle aziende in Germania (108,2 punti vs 107,8 punti) sono risultati migliori delle attese;
  • A settembre la vendita di nuove abitazioni (468 mila case vs 550 mila) negli Stati Uniti ha sottoperformato le attese.

Martedì 27 ottobre

  • Apple pubblica i dati sul terzo trimestre 2015. Sia gli utili che il fatturato sono risultati superiori alle attese degli analisti. Attualmente, dell 228 delle 500 compagnie che hanno riportato negli Stati Uniti, il 75% ha battuto le stime a livello di utili mentre il 43% ha battuto le stime a livello di fatturato;
  • Secondo un sondaggio dell’agenzia di stampa Reuters, più del 60% degli economisti a dicembre si aspetta un annuncio di ulteriore stimolo da parte della BCE;
  • Per la prima volta, l’Italia colloca i CTZ a due anni a tassi negativi (-0,023 % vs 0,166% nella precedente emissione);
  • Il PIL del Regno unito nel terzo trimestre del 2015 cresce dello 0,5% (vs 0,6%);
  • Escono alcuni dati sull’economia interna degli Stati Uniti. I principali ordinativi di beni durevoli diminuiscono in settembre dello 0,4%, deludendo le aspettative (+0,1%) e il rapporto sulla fiducia dei consumatori USA a ottobre scende a 97,6 punti (103,0 previsti).

Mercoledì 28 ottobre

  • In Australia l’inflazione è più bassa delle attese. L’Indice dei Prezzi al Consumo è cresciuto nel terzo trimestre dello 0,5%, contro il 0,6% previsto;
  • Gli ultimi dati sull’Italia sono particolarmente incoraggianti. Il livello di fiducia delle imprese italiana sale a 105,9 punti (104,1 previsto) e il livello di fiducia dei consumatori italiani sale a 116,9 punti (112,1 previsti). Il Tesoro colloca i BOT con scadenza a 6 mesi a un tasso negativo (-0,055%);
  • La Federal Reserve lascia invariati i tassi d’interesse. Tuttavia il tono della discussione dei membri del FOMC (il comitato che stabilisce il livello dei tassi d’interesse) lascia intendere che l’eventuale rialzo dei tassi d’interesse il prossimo meeting non è una possibilità così remota;
  • La Banca Centrale Neozelandese lascia invariati i tassi al 2,75%;

Giovedì 29 ottobre

  • Il Primo Ministro cinese fissa l’obiettivo di crescita del PIL cinese a 6,53% annuo, abbassandolo quindi dal 7% fissato finora;
  • La Produzione Industriale giapponese cresce nel mese di settembre dell’1,0%, (vs -0,5%);
  • Il tasso di disoccupazione tedesco rimane stabile al 6,4%;
  • Il PIL degli Stati Uniti cresce dell’1,5% annualizzato nel terzo trimestre, deludendo le aspettative (1,6%) e in netto calo rispetto al dato precedente (3,9%). In un anno, il PIL statunitense è cresciuto del 2,9%, il livello più basso da 5 anni.

Venerdì 30 ottobre

Iscriviti alla newsletter gratuita.

Ricevi consigli, suggerimenti e notizie settimanali per aiutarti nella gestione delle tue finanze.

  • La Banca Centrale giapponese lascia invariati i tassi d’interesse. Per quanto riguarda il programma di Quantitative Easing, non sono state decise mosse volte ad rafforzarne l’azione o ad allungarne la durata. L’indice generale dei prezzi al consumo nell’ultimo anno non si è mosso (0,0% a/a), il dato più basso dal maggio 2013;
  • Le vendite al dettaglio in Germania crescono dello 0,0% mensile, contro lo 0,4% previsto;
  • Nessuna sorpresa dal PIL spagnolo, che cresce dello 0,8% nel terzo trimestre;
  • Escono i dati sull’inflazione in Europa. In Italia l’Indice dei Prezzi al Consumo in ottobre è cresciuto dello 0,2% (0,1% le attese). Per quanto riguarda l’Eurozona, l’inflazione è stata pari a 0,0% nel mese di ottobre (0,1% le attese);
  • Il tasso di disoccupazione nell’Eurozona scende a 10,8% (10,9% le attese). In Italia la disoccupazione scende dell’11,8% (11,9% previsto).

Dati dei mercati estratti da Bloomberg

Mercati finanziari

NB: Per i bond governativi riportiamo la variazione del tasso a scadenza, per gli altri indici riportiamo la variazione percentuale.

Dati aggiornati alle ore 16:20 di Venerdì 30 ottobre 2015.

Prova Moneyfarm

È sempre un buon giorno per investire.

Semplice, trasparente e personalizzato. Il piano di investimento Moneyfarm soddisfa le tue aspettative di rendimento e protegge il tuo capitale.

Simula un portafoglio personalizzato