Pubblicato in:

Materie prime ed ETF tra tensioni e opportunità

Petrolio

Le materie prime segnano nuovi minimi. Vediamo quali sono i motivi del sell-off e quali le eventuali ragioni per un investimento in materie prime.

La bolla sul mercato azionario cinese crea tensioni perchè potrebbe avere un impatto negativo sull’economia e quindi ridurre ulteriormente la domanda per le materie prime.

Dopo una breve fase di speranza a fine marzo, il petrolio è tornato in sell-off. L’impatto dei prezzi bassi sulla produzione americana è stato minore del previsto ed è bastato che il petrolio WTI tornasse a 60$ al barile per far riprendere l’aumento degli impianti di trivellazione. Inoltre, vari paesi produttori hanno di recente aumentato la propria produzione (ad esempio l’Arabia Saudita e l’Iraq). Infine, è stato raggiunto un accordo internazionale con l’Iran e verranno eliminate le attuali sanzioni commerciali. Questo implica che ci sarà una maggiore offerta.

L’avvicinarsi del rialzo dei tassi da parte della Fed ha causato anche un calo dell’oro e il dollaro forte è anch’esso negativo per le materie prime in generale.

Lo scenario di breve termine sembra quindi buio per le materie prime ma rimangono alcuni motivi per investirci. Le materie prime possono fornire un’utile protezione da un’eventuale sorpresa inflazionistica, cosa non impossibile in un mondo inondato da liquidità delle banche centrali.

Scopri la proposta d'investimento costruita per te

1. Crea il tuo profilo
2. Scopri il tuo portafoglio
3. Comincia a investire
Simula un portafoglio

Lo scenario per le materie prime rimane quindi un interrogativo e vediamo quindi ora quali sono gli strumenti a disposizione degli investitori per implementare la propria “view” sulla asset class.

Un modo per ottenere esposizione lunga alle materie prime è quello di comprare azioni di società che le estraggono e vice versa per ottenere un’esposizione corta. Inoltre, per ottenere un’esposizione corta si possono considerare società che utilizzano materie prime come input del proprio processo produttivo. Nondimeno, in questo modo non si ottiene un’esposizione “perfetta” perchè il prezzo delle materie prime è solo uno dei fattori ad influenzare il prezzo di queste azioni.

Gli ETF per un’esposizione di breve o lungo termine.

Altro modo per ottenere un’esposizione sono gli ETF che permettono di ottenere un’esposizione sia long che short e su una sola o più materie prime. Tuttavia, bisogna scegliere attentamente gli strumenti perchè non investono direttamente in materie prime ma in futures sulle materie prime. Entrano quindi in gioco fattori spesso complessi quali le strutture delle curve futures (contango/backwardation) nonchè la metodologia con la quale vengono selezionati i futures e con la quale vengono rollate le posizioni. Inoltre, per i più spericolati, esistono gli ETF a leva … ma questo è un altro discorso.

Prova Moneyfarm

Moneyfarm è il Consulente Finanziario Indipendente che ti guida e gestisce il tuo capitale con un investimento su misura e un consulente dedicato sempre al tuo fianco.

Simula un portafoglio personalizzato

- Votati migliore servizio di consulenza finanziaria in Italia per il quarto anno consecutivo
- Scelti da più di 160.000 investitori in tutta Europa
- Consigliati da più del 90% dei nostri clienti