Pubblicato in:

Il petrolio stenta a ripartire, l’inflazione che fa?

LucaDixit_template

L’importanza del prezzo del petrolio nel contesto economico internazionale.

Considerato uno degli indicatori più importanti della crescita globale, il prezzo del petrolio è tornato ad essere uno degli argomenti più gettonati di questa estate. La quotazione del greggio è caduta sotto i 45$ al barile, ribasso probabilmente influenzato dall’incremento dei tassi di interesse americani e dalla paura che il taglio dei livelli di produzione da parte dei paesi OPEC non sia sufficiente a ridurre il surplus.

Ma andiamo con ordine. Al fine di ridurre la sovrapproduzione, l’OPEC (Organization of the Petroleum Exporting Countries), l’organizzazione dei paesi esportatori di petrolio, ha dichiarato alla fine del 2016 di aver trovato un’intesa per tagliare la produzione del greggio di 1,2 milioni di barili al giorno. In accordo anche con la Russia che ha annunciato una riduzione di 600.000 barili al giorno. Questo taglio di 1,8 milioni della produzione giornaliera è stato esteso fino a marzo 2018.

Molti operatori finanziari però non sono del tutto convinti che l’OPEC riuscirà a mantenere le sue promesse nei tempi prestabiliti, rischiando così di rallentare un riassorbimento del surplus produttivo e di conseguenza di vedere distante una risalita del prezzo del petrolio. I mercati si aspettavano una maggior presa di posizione da parte dell’Arabia Saudita, paese leader dell’OPEC, e un supporto all’accordo dalla produzione americana.

Il mercato del petrolio e il suo impatto sull’inflazione

Un basso costo del petrolio è generalmente una notizia molto positiva per i consumatori. Quando il prezzo del carburante cala i consumatori si trovano a disporre di maggiore liquidità e in generale i costi della produzione industriale si abbassano. Bisogna però considerare che più i prezzi si abbassano, più l’inflazione tende a ridursi.

Con prezzi così bassi, negli ultimi mesi il livello di inflazione atteso è sceso sotto il 2% sia negli Stati Uniti sia in Europa. Unica eccezione tra i paesi sviluppati è rappresentata dal Regno Unito, che presenta un’inflazione attesa attorno al 3%: Brexit, valuta debole e instabilità politica stanno alimentando nel paese forte tensioni inflazionistiche.

Scopri la proposta d'investimento costruita per te

1. Crea il tuo profilo
2. Scopri il tuo portafoglio
3. Comincia a investire
Simula un portafoglio

Influenzato dalla decisione dell’OPEC di estendere il taglio della produzione del greggio fino agli inizi del 2018, da marzo il prezzo del petrolio sta attraversando un momento molto volatile. Questo dato potrebbe indicarci come la crescita globale non sia così forte come avevamo sperato.

I dubbi delle banche centrali

Come abbiamo notato da tempo, l’obiettivo principale delle banche centrali è quello di normalizzare la politica monetaria. La FED sta già lavorando in questa direzione, aumentando i tassi di interesse per la terza volta quest’anno. Con un aumento dello 0,25% del tasso target, portandolo a un intervallo che oscilla dall’1 all’1,25%, questa politica riflette la fiducia che la banca centrale ha nel mercato americano, dopo anni di dati sui dei livelli di occupazione molto buoni.

In Europa, i tassi rimangono invariati. Nelle ultime dichiarazioni, il presidente della BCE ha esposto i suoi dubbi sui tassi di inflazione nell’eurozona e i maggiori Paesi vedono le loro aspettative inflazionistiche al di sotto del fatidico 2%. Guardando al mercato obbligazionario e ai bond legati all’inflazione notiamo come in Germania le aspettative di lungo termine per l’inflazione siano 1,4% , in Francia 1,3% e in Italia l’1,4%.

Con tassi di inflazione cosí bassi è importante pianificare al meglio la gestione dei tuoi risparmi. Un portafoglio diversificato e un piano di accumulo sono strumenti che possono aiutarti a gestire limitare l’impatto del ciclo economico sulle performance del tuo capitale, anche in una fase di incertezza inflazionistica come stiamo passando ora.

Prova Moneyfarm

Moneyfarm è il Consulente Finanziario Indipendente che ti guida e gestisce il tuo capitale con un investimento su misura e un consulente dedicato sempre al tuo fianco.

Simula un portafoglio personalizzato

- Votati migliore servizio di consulenza finanziaria in Italia per il quarto anno consecutivo
- Scelti da più di 160.000 investitori in tutta Europa
- Consigliati da più del 90% dei nostri clienti