Pubblicato in:

Nel cuore dell’isola Mondo: il futuro dei mercati nella via della seta

Il seguente contributo è l’editoriale a supporto del report trimestrale sull andamento dei portafogli.

Nel 1904, quando le isole britanniche estendevano ancora il proprio dominio sui mari e le terre del Mondo, Sir Halford Mackinder ebbe occasione di presentare la sua audace teoria di fronte alla platea della prestigiosa Royal Geographical Society.

Secondo Mackinder tra i territori semi deserti dell’Asia Centrale, il mar Caspio e l’Europa dell’Est dove si perdono i confini del Vecchio Continente, era nascosta la chiave d’accesso alla supremazia sugli uomini: il “Cuore della terra” (Heartland). La conquista di questa cittadella avrebbe garantito il controllo sull’isola Mondo, la massa continentale che si estende da Lisbona a Vladivostok a Cape Town (l’Europa, l’Asia e l’Africa, il passato e il futuro dell’umanità).

La teoria di Mackinder, non priva di qualche ingenuità, si muoveva controvento rispetto alla direzione in cui ruotava il pianeta, ancora solcato dalle vele imperiali che trasportavano la bandiera britannica tra un dominio di sua Maestà e l’altro. Soprattutto andava contro la convinzione, diffusa all’epoca, che il potere si conquistava dominando i mari piuttosto che le terre (eravamo al crepuscolo dell’era dei grandi imperi).

Ci sono voluti cento anni perché gli occhi dell’impero si spostassero finalmente sull’Eurasia. È noto che la Cina stia provando a estendere la propria area di influenza lungo il tracciato della Via della Seta, un territorio che da Pechino si estende fino al bacino del Mediterraneo. Mentre in Europa ci interroghiamo sul senso dei progetti infrastrutturali, la via della Seta di Xi Jinping brulica di operai e soldi cinesi. Dall’Iran e dal Kazakistan il gas viaggia attraverso chilometri di tubi nuovi di zecca verso Mosca, Pechino e l’Europa. I treni ad alta velocità corrono dal Cairo a Cape Town; e in Turkmenistan si aprono immensi porti sulle acque del grande lago salato. Xi’an, un tempo miraggio per le carovane che viaggiavano da Samarcanda, è oggi il nodo nevralgico di una rete di ferrovie che raggiunge i quattro angoli dell’Asia. Quello che la Cina sta mettendo in piedi è un piano infrastrutturale fatto di investimenti esteri diretti come non si vedeva dai tempi del Piano Marshall. Un progetto di mondo che coinvolge più di ottanta Paesi e sembra essere la partita fondamentale per stabilire la futura evoluzione dei rapporti politici globali.

CONSULTA IL REPORT DEI PORTAFOGLI MONEYFARM

Tensioni commerciali

Ed è proprio questa partita, intorno alla supremazia tecnologica e politica, che sta giocando Donald Trump impegnato in una complessa battaglia per individuare un nuovo equilibrio nei rapporti commerciali tra i due Paesi. La sfida, che è al centro dell’attenzione dei mercati preoccupati per i suoi effetti sul Pil mondiale, è caratterizzata dall’incrocio, talvolta equivoco, di dinamiche di breve termine e tendenze di lungo periodo. Da una parte c’è la lungimiranza cinese, dall’altra il più complesso interesse americano che risiede nel demarcare le nuove aree di influenza nel mondo, ma anche nel produrre risultati politici ed economici spendibili nell’immediato. Da un lato c’è un salutare riequilibrio, voluto da Trump, delle catene del valore del commercio mondiale, verso un posizionamento che potremmo anche definire più equo. Dall’altro ci sono le preoccupazioni molto più immediate dei mercati e di interi settori economici per l’effetto recessivo e l’imprevedibilità dei dazi.

Donald Trump, dopo il G20 di Osaka in cui ha raggiunto una momentanea tregua sulla disputa commerciale, ha proclamato vittoria su Twitter: “Abbiamo vinto! Nonostante non abbiamo avuto nessun sostegno dalla Fed, abbiamo vinto perché abbiamo un’economia seconda a quella di nessuno”.

Neanche il Presidente Usa, impegnato in quella che evidentemente ritiene una battaglia strategica secolare, può credere di aver già portato a casa la partita. Ma allo stesso tempo non può ignorare le elezioni che si avvicinano, un rischio di recessione da scongiurare in tutti i modi possibili e un mercato finanziario che si innervosisce a ogni sterzata spericolata che imprime alla politica commerciale. E così una tregua – che porta in dote una temporanea marcia indietro sul prossimo round di sanzioni e la soluzione del caso Huawei – basta per dichiarare vittoria e basta ai mercati per riprendersi con grande forza dalla scivolata di maggio, supportati dalla politica monetaria.

Ancora un trimestre positivo

Nell’ultimo trimestre quasi tutti gli asset rischiosi sono scivolati a maggio per poi recuperare terreno a giugno, regalando agli investitori il secondo trimestre consecutivo di risultati positivi e il miglior semestre da qualche anno a questa parte. Oltre al commercio, al centro dell’attenzione è stata ovviamente l’altra grande protagonista di questa fase: la politica monetaria. Le notizie economiche che suggeriscono un peggioramento delle aspettative sono state trasformate in buone notizie per gli investitori dalle banche centrali. Negli Stati Uniti le dinamiche recessive hanno colpito alcuni settori come il commercio e l’industria, ma la frenata è stata più che compensata dalla crescita di beni di consumo e servizi.

In questo scenario la Fed ha come interesse primario quello di evitare una recessione. Gli investitori sembrano convinti che la politica della banca centrale sarà accomodante e hanno già scontato ­­­­un taglio dei tassi nel meeting di luglio. I mercati hanno festeggiato il cambio delle aspettative con un rally che ha portato in positivo le prestazioni dei portafogli.

Scopri la proposta d'investimento costruita per te

1. Crea il tuo profilo
2. Scopri il tuo portafoglio
3. Comincia a investire
Simula un portafoglio

Se l’iniziativa nel prossimo mese sembra ormai molto probabile, più incerta resta la strada da qui in avanti con i mercati che si orientano verso due ulteriori ribassi dei tassi. Se così fosse i tagli per il 2019 diventerebbero tre, un cambio di rotta piuttosto repentino se si pensa ai quattro rialzi del 2018 nel contesto di una situazione generale sicuramente migliore ma in fondo non molto diversa. Il rischio di sorpresa negativa su questo fronte resta dunque in agguato e le aspettative degli operatori sulla politica monetaria americana sono uno dei fattori chiave per i prossimi mesi, considerata anche la volatilità che un mutamento di esse può portare sul mercato.

Un altro alleato degli investitori è stato Mario Draghi che, durante il consueto appuntamento di Sintra, ha rassicurato i mercati sul punto di vista della Bce. Il contesto di bassa crescita e ridotta inflazione nell’Eurozona sembra essere diventata la nuova normalità. La Banca Centrale Europea ne è conscia ed è pronta a intervenire con ulteriori politiche espansive dell’economia.

Con il livello dei tassi a zero, l’unica opzione che resta sul tavolo è quella di riprendere in mano strumenti non convenzionali, come l’acquisto diretto di titoli. Questa eventualità rassicura parecchio gli investitori.

Il quadro economico

Il quadro macroeconomico negli Stati Uniti è sostenuto su un delicatissimo equilibrio. I dati solidi del secondo trimestre allontanano lo spettro di una recessione. Un livello di crescita costante, accompagnata da una politica monetaria che non fa mancare il proprio apporto di liquidità al sistema, è sulla carta lo scenario ideale per gli investitori. La campagna elettorale si avvicina e Trump farà quanto in suo potere per sostenere l’economia in vista della scadenza del voto. Anche la Fed ha trasmesso ai mercati negli ultimi mesi un senso di sicurezza, intervenendo con salutare attivismo ogni volta che i mercati azionari sono calati.

L’ultimo trimestre ci ricorda dunque come l’equilibrio di mercato resti particolarmente delicato. In questo contesto gli asset rischiosi hanno avuto ancora modo di regalare soddisfazioni agli investitori.

Nonostante ciò, i risultati molto positivi di questa prima metà dell’anno mal celano il nervosismo dei mercati, che si è manifestato con forza a maggio quando il pessimismo nei confronti delle relazioni commerciali tra Cina e Usa ha portato molta volatilità sui listini.

Gli investitori sembrano comunque in attesa di un catalizzatore che possa far scattare l’eventuale correzione: c’è da aspettarsi che i nervi dei mercati saranno ancora testati nei prossimi mesi.

Rivolgendo lo sguardo un po’ più avanti un motivo di preoccupazione arriva sul fronte dei risultati societari: nonostante le aspettative più basse, la produttività è in calo e – anche a causa di un mercato del lavoro che ha raggiunto ormai da tempo il livello di piena occupazione – i costi di produzione sono in aumento.

Se il trend dovesse continuare assisteremmo a un peggioramento degli utili nei prossimi trimestri, il che potrebbe catalizzare le preoccupazioni degli investitori. Il Comitato Investimenti continua dunque a pensare che l’approccio conservativo adottato in questi mesi sia la scelta migliore per proteggere il capitale degli investitori.

Prova Moneyfarm

Moneyfarm è il Consulente Finanziario Indipendente che ti guida e gestisce il tuo capitale con un investimento su misura e un consulente dedicato sempre al tuo fianco.

Simula un portafoglio personalizzato

- Votati migliore servizio di consulenza finanziaria in Italia per il quarto anno consecutivo
- Scelti da più di 160.000 investitori in tutta Europa
- Consigliati da più del 90% dei nostri clienti