Pubblicato in:

Si chiude l’era Draghi: l’ombra del gigante sul futuro

Se ci si limitasse a guardare i numeri con poca cognizione di causa, il settennato di Draghi alla guida della Bce potrebbe essere addirittura considerato in chiaroscuro: l’inflazione, il mandato principale della banca centrale europea, è stata per tutto il periodo lontana dal raggiungimento del target del 2%.

La crescita è stata moderata nell’area Euro e, anche nelle regioni dove essa ha fatto registrare i migliori risultati, è stata inferiore a quella registrata negli Stati Uniti (l’economia più assimilabile a quella del Vecchio Continente). Il mercato del lavoro, pur facendo registrare livelli di crescita sostenuti negli ultimi anni, ha reagito con straordinaria lentezza alla crisi del 2008-2011 e questa difficoltà di reazione ha pesato in negativo sulla dinamica salariale della maggior parte dei cittadini dell’Eurozona.

La battaglia dell’Euro

Queste evidenze numeriche, pur in gran parte dovute alla congiuntura in cui Draghi si è trovato ad operare, non possono non essere un importante elemento di riflessione nel giorno in cui Draghi lascia la guida della Bce. Tuttavia, l‘eredità della politica del Governatore non potrebbe essere valutata nella sua interezza senza inserirla in una prospettiva storica e contestuale.

In una recente intervista al Financial Times, Draghi ha rivendicato il merito di aver vinto la battaglia sull’Euro. Ovviamente manca la prova controfattuale, ma ciò che è certo è che la moneta unica ha superato questa decade turbolenta – la seconda della propria storia – mantenendo a bordo tutti gli stati membri. Questo esito non era per niente scontato. Nell’estate del 2012 l’idea che la moneta unica affondasse sotto il peso delle sue contraddizioni era un’eventualità più che concreta.

Il settennato di Draghi non era infatti iniziato secondo i migliori auspici. Nel 2011 l’Eurozona piombò in una profonda crisi economica e finanziaria. L’instabilità causata dalla crisi del debito di molti Stati dell’Europa del Sud, fece emergere in maniera evidente tutte le contraddizioni politiche e strutturali che minavano le fondamenta stesse del progetto europeo.

La capacità del braccio fiscale di reagire alla crisi era ridotta a causa della poca agibilità fiscale di molti governi. Le divergenze economiche emerse all’interno del blocco ebbero l’effetto di paralizzare la Commissione Barroso. Gli stimoli fiscali post-crisi, gestiti dai singoli stati, finirono per peggiorare la situazione finanziaria di alcuni di essi.

La Bce che Draghi prese in mano era un’istituzione con la fama di essere conservatrice, non del tutto indipendente dall’influenza dei singoli stati e per giunta accusata da molti di aver perso il controllo della politica monetaria (in seguito al contestato ultimo rialzo dei tassi messo in atto dal governatore uscente Trichet).

In questo contesto si sviluppa l’azione politica di Draghi, il cui spunto simbolico e programmatico è il celebre discorso del “whatever it takes” (“faremo tutto quello che è in nostro potere per salvare l’Euro e, fidatevi di me, sarà abbastanza). Con questa presa di posizione Draghi ha proiettato la politica monetaria in un territorio inesplorato. Quella della Bce è una promessa aperta, che mantiene un certo grado di imprevedibilità, soprattutto in tempi incerti: una prova di resilienza per un’istituzione costretta a lottare per la sua sopravvivenza.

Scopri la proposta d'investimento costruita per te

1. Crea il tuo profilo
2. Scopri il tuo portafoglio
3. Comincia a investire
Simula un portafoglio

Difficile dire se la politica della Bce abbia effettivamente salvato l’Euro. Sicuramente lo stimolo monetario ha regalato all’Eurozona e ai governi dei paesi membri un po’ di tempo e di capitale politico in più per risolvere i suoi problemi strutturali (sul fatto che questo tempo sia stato utilizzato in modo proficuo in molti dissentono, in un senso o in un altro).

Il futuro della politica monetaria

Allargando il campo, Mario Draghi è stato protagonista di una stagione di innovazione degli strumenti della politica monetaria, ma l’armamentario a disposizione della Bce non è stato l’unico aspetto in cui il Governatore ha marcato una rottura rispetto al passato. Piaccia o no (lui stesso nega questa evidenza) è innegabile che Draghi abbia interpretato il ruolo di Governatore non da tecnico ma da interlocutore attivo della dialettica politica continentale.

Ciò si è visto molto chiaramente nei passaggi cruciali del suo settennato: il QE e la gestione della crisi greca. Non solo: Draghi, nel rispetto delle proprie prerogative, ha ingaggiato un dialogo, a volte anche molto acceso, con i rappresentanti dell’establishment politico ed economico degli Stati Membri. Se la preoccupazione degli economisti, fino a qualche anno fa, era che i governi dettassero l’agenda alla Banca Centrale, in Europa abbiamo visto come anche i banchieri centrali possono utilizzare la propria autorità per stimolare la politica fiscale.

Il fatto che oggi il Governatore rivendichi come il suo principale successo la creazione di posti di lavoro, un mandato che è al di fuori degli obiettivi della banca centrale, la dice lunga. Nessuno crede che il mandato della Banca Centrale Europea oggi sia limitato al raggiungimento del target dell’inflazione al 2%: è inutile negare questa evidenza. Se il mandato è rigido ma gli strumenti per raggiungerlo sono flessibili, rischia di crearsi una frattura della già precaria armonia istituzionale europea.

La gestione Draghi ha di fatto allargato il raggio d’azione della BCE, contribuendo a sostenere il mercato del lavoro nell’Eurozona e probabilmente a dare una seconda chance al progetto dell’Euro. La sua azione ha tuttavia evidenziato la fragilità delle catene di trasmissione classiche della politica monetaria.

Guardando al futuro, non crediamo che il ricorso perpetuo all’innovazione possa continuare essere la soluzione. Non si possono ignorare i numerosi rischi a cui l’eccessiva espansione dello stock monetario sottopone le economie. Per citarne solo alcuni: la distorsione delle soglie di rischio nei sistemi economici e finanziari, l’effetto distorto sulle diseguaglianze.

La politica monetaria è caratterizzata da rendimenti decrescenti, soprattutto in fasi espansive, la sua efficacia diminuisce man mano che le misure diventano più estreme. Le banche centrali non riusciranno a trovare indefinitamente nuovi modi per far fronte ai cambiamenti globali dell’economia. L’idea che la bonanza monetaria sia la nuova normalità presenta dei rischi: per queste ragioni crediamo che anche nell’Eurozona si debba aprire un dibattito serio sul ruolo che nel XXI secolo è destinato alla politica monetaria.

La soluzione non potrà essere quella di affidarsi, mani e piedi, alla capacità politica e alla visione di personaggi della statura di Mario Draghi. Il rischio è che, quando le contraddizioni del blocco economico europeo emergeranno con maggiore forza, “tutto quello che sarà necessario fare” potrebbe non essere più abbastanza.

Prova Moneyfarm

Moneyfarm è il Consulente Finanziario Indipendente che ti guida e gestisce il tuo capitale con un investimento su misura e un consulente dedicato sempre al tuo fianco.

Simula un portafoglio personalizzato

- Votati migliore servizio di consulenza finanziaria in Italia per il quarto anno consecutivo
- Scelti da più di 160.000 investitori in tutta Europa
- Consigliati da più del 90% dei nostri clienti