Pubblicato in:

Mercati finanziari: review settimanale [9-13 maggio]

mercati finanziari

Lunedì 09 maggio

  • Durante il weekend esce la notizia che il Ministro per il Petrolio dell’Arabia Saudita è stato sostituito dopo 20 anni di servizio, nell’ambito di un più ampio piano di ricambio programmato dal re Salman. Non sembra però delinearsi all’orizzonte un cambiamento di politica sulla produzione del petrolio, con l’Arabia Saudita determinata a non perdere la propria posizione sul mercato;
  • In Canada, nella regione dell’Alberta, divampa un incendio che arriva a bloccare gli stabilimenti petroliferi dell’area, rallentando la produzione. L’incendio verrò domato solo dopo alcuni giorni;
  • Al contrario delle aspettative, le riserve in valuta estera della Public Bank of China crescono (3.22 trilioni di dollari vs 3.20 attesi). Le importazioni cinesi, valorizzate in dollari, scendono del 10.9% a/a (vs -4% previsto) mentre le esportazioni, misurate sempre in dollari, scendono dell’1.8% a/a (vs 0.0% atteso). Le esportazioni valorizzate in Yuan sono invece aumentate, ma meno del previsto (+4.1% a/a vs 4.3% atteso).

Martedì 10 maggio

  • Scendono le vendite al dettaglio nel Regno Unito dello 0.9% a/a;
  • Scende dello 0.2% nel mese di aprile l’Indice dei Prezzi al Consumo della cinese. Su base annua, l’inflazione risulta pari a 2.3% (vs 2.4% atteso). L’indice dei prezzi alla produzione scende su base annua del 3.4% (vs -3.8% atteso), il miglior dato dal dicembre 2014;
  • La produzione industriale tedesca scende dell’1.3% nel mese di marzo (vs 0.2% atteso). Anche in Francia (-0.3% vs +0.5% atteso) e in Italia (0.0% vs 0.2%), la crescita della produzione industriale è al di sotto delle attese.

Mercoledì 11 maggio

  • Nel Regno Unito la produzione industriale nel mese di marzo cresce dello 0.3% (vs 0.5% atteso) mentre la produzione manifatturiera cresce dello 0.1% mensile (vs 0.3% atteso);
  • Lo Stato Italiano ha emesso BOT italiani a 12 mesi a un tasso apri allo -0.140%, più basso rispetto al -0. 081% dell’emissione precedente;
  • Le Crude Oil Inventories dell’Energy Information Administration (EIA), che misurano l’incremento settimanale in barili del greggio detenuto in giacenza presso le aziende statunitensi, scendono nella settimana di 3.3 milioni di barili (vs un incremento previsto pari a 0.7 milioni);
  • Diminuiscono le vendite al dettaglio in Brasile dello 0.9% (vs -0.5% previsto) nel mese di marzo.

Giovedì 12 maggio

Scopri la proposta d'investimento costruita per te

1. Crea il tuo profilo
2. Scopri il tuo portafoglio
3. Comincia a investire
Simula un portafoglio
  • La produzione industriale di marzo nell’Eurozona scende dello 0.8% (vs +0.1% previsto);
  • Ad aprile l’inflazione francese scende allo 0.1% mensile, in linea con le attese ma in deciso calo dal mese precedente (+0.7% il dato di marzo);
  • La Bank of England lascia invariati i tassi d’interesse allo 0.5%. Il governatore Carney esprime preoccupazioni legate a una possibile uscita della Gran Bretagna dell’Unione Europea.

Venerdì 13 maggio

  • Escono gli ultimi dati sulla crescita delle economie nell’Eurozona. Il Pil della Germania nel primo trimestre del 2016 è cresciuto dello 0.7% (vs 0.6% atteso). Su base annuale, la crescita è stata pari a 1.3%, minore del 1.5% atteso. Il Pil dei Paesi Bassi nel primo trimestre è cresciuto dello 0.5% (vs 0.5% atteso), portando il dato annuale a 1.4% (vs 1.1% atteso). Sorprende in positivo il PIL italiano, cresciuto dell’1% nel primo trimestre. Anche il dato relativo agli ultimi tre mesi del 2015, viene rivisto al rialzo, a 1.1%. La crescita per l’Eurozona nel suo complesso è risultata pari a 0.5% (vs 0.6% previsto);
  • Continua a muoversi in territorio deflativo l’Indice dei Prezzi al consumo in Italia: nel mese di aprile è sceso dello 0.1% (vs 0.0% previsto), portando l’inflazione su base annuale a -0.5% (vs -0.4% previsto).

Dati estratti da BloombergMercati

NB: Per i bond governativi riportiamo la variazione del tasso a scadenza, per gli altri indici riportiamo la variazione percentuale.
Dati aggiornati alle ore 14:25 di venerdì 13 maggio 2016.

Prova Moneyfarm

Moneyfarm è il Consulente Finanziario Indipendente che ti guida e gestisce il tuo capitale con un investimento su misura e un consulente dedicato sempre al tuo fianco.

Simula un portafoglio personalizzato

- Votati migliore servizio di consulenza finanziaria in Italia per il quarto anno consecutivo
- Scelti da più di 160.000 investitori in tutta Europa
- Consigliati da più del 90% dei nostri clienti