Pubblicato in:

Mercati finanziari: review settimanale [17-21 ottobre]

mercati finanziari

Lunedì 17 ottobre

  • Nessuna sorpresa dall’inflazione nell’Eurozona. Nel mese di settembre l’Indice dei Prezzi al Consumo è salito dello 0.4% (vs 04% e 0.4% precedente);
  • La produzione industriale nel mese di settembre è cresciuta dell’1-3% (vs 1.5% atteso e 1.3% il mese di agosto).

Martedì 18 ottobre

  • Primi segnali di un’inflazione in crescita nel Regno Unito, con l’Indice dei Prezzi al Consumo per il Regno Unito nel mese di settembre è salito dello 0.2% (vs 0.1% atteso), portando la crescita annuale all’1.0% (vs 0.9% atteso e 0.6% precedente);
  • Inflazione leggermente sotto le attese negli USA. L’Indice dei Principali Prezzi al Consumo (al netto di food e energy quindi) nel mese di settembre si muove dello 0.1% (vs 0.2% atteso), portando l’inflazione annuale al 2.2% (vs 2.3% atteso).

Mercoledì 19 ottobre

  • Il PIL cinese nel terzo trimestre sale è cresciuto del 6.7% su base annuale, perfettamente in linea con le aspettative del governo e invariato rispetto al trimestre precedente. Nel mese si settembre cresce meno de previsto la produzione industriale (6.1% su base annuale vs 6.4% atteso) mentre salgono le vendite al dettaglio del 10.7% su base annuale (vs 10.6% atteso e 10.6% precedente);
  • La Banca Centrale Canadese lascia invariati i tassi d’intesse allo 0.5%;
  • Dopo l’incremento di settimana scorsa, tornano a scendere le scorte di petrolio greggio in giacenza presso le aziende statunitensi. Nell’ultima settimana sono scese di 5.25 milioni di barili (vs un incremento di 2.7 milioni atteso e 4.9 milioni precedente).

Giovedì 20 ottobre

  • Meeting della Banca Centrale Europea. Il tasso sui deposti in Euro viene lasciato a -0.4% e il tasso d’interesse sui prestiti viene lasciato pari a 0%, come da attese. Nessuna novità del discorso del Presidente Draghi nella conferenza successiva al meeting, se non che l’uscita dal programma di quantitative easing sarà graduale;
  • Vendite al dettaglio per il Regno Unito al di sotto delle attese nel mese di settembre, con il dato sostanzialmente fermo mentre le previsioni erano per un incremento dello 0.4%;
  • Decisamente meglio delle attese l’Indice di produzione della Fed di Filadelfia, un buon termometro dell’attività manifatturiera statunitense, che nel mese di ottobre scende a 9.7 punti (vs 12.8 atteso) ma si attesta al di sopra del consensus (5.3 punti);

Venerdì 21 ottobre

Scopri la proposta d'investimento costruita per te

1. Crea il tuo profilo
2. Scopri il tuo portafoglio
3. Comincia a investire
Simula un portafoglio

Scopri come costruiamo il tuo percorso d'investimento

Prova Moneyfarm

  1. Crea il tuo profilo
  2. Scopri il tuo portafoglio
  3. Scegli quando investire
Prova Moneyfarm
  • L’inflazione in Canada si attesta all’1.3% annuale (vs 1.5% atteso e 1.1% precedente).

Dati estratti da Bloomberg

Bloomberg

 NB: Per i bond governativi riportiamo la variazione del tasso a scadenza, per gli altri indici riportiamo la variazione percentuale.
Dati aggiornati alle ore 17:00 di venerdì 21 ottobre 2016.

 

 

Prova Moneyfarm

Moneyfarm è il Consulente Finanziario Indipendente che ti guida e gestisce il tuo capitale con un investimento su misura e un consulente dedicato sempre al tuo fianco.

Simula un portafoglio personalizzato

- Premiati per il 7° anno consecutivo “Miglior Consulente Finanziario Indipendente in Italia”
- Superati i 2 miliardi di euro di risparmi in gestione
- Scelti da più di 80.000 investitori attivi in tutta Europa
- Consigliati da più del 90% dei nostri clienti