Pubblicato in:

L’ombra d Mosca sull’Ucraina, mercati in allerta

Sale la tensione tra Russia e Stati Uniti intorno alla questione Ucraina. Washington ritiene che la Russia possa prendere in considerazione un’azione in Ucraina nei prossimi mesi e sta lavorando per convincere gli alleati europei del pericolo. Ciò potrebbe rappresentare un rischio per i mercati finanziari.

Riavvolgiamo un attimo il nastro: tornando al 2014 quando la prima crisi Ucraina portò all’annessione della Crimea da parte della Russia. Abbiamo dato una rapida occhiata alla reazione del mercato in quel periodo. Il grafico seguente mostra i movimenti del mercato azionario: l’ovale indica il periodo della crisi immediata (da febbraio a marzo 2014). Vediamo un calo delle azioni russe, mentre le azioni britanniche, europee e statunitensi non mostrano una risposta significativa.

 

Guardando al tasso di cambio, possiamo vedere un po’ di debolezza del rublo durante la crisi (febbraio – marzo 2014), ma l’impatto reale sulla valuta è stato determinato dal calo del prezzo del petrolio verso la fine dell’anno. Interessante notare che il prezzo del greggio ha reagito solo marginalmente durante la crisi.

Scopri la proposta d'investimento costruita per te

1. Crea il tuo profilo
2. Scopri il tuo portafoglio
3. Comincia a investire
Simula un portafoglio

Scopri come costruiamo il tuo percorso d'investimento

Prova Moneyfarm

  1. Crea il tuo profilo
  2. Scopri il tuo portafoglio
  3. Scegli quando investire
Prova Moneyfarm

Infine, guardando al rendimento dei buoni del tesoro a 10 anni degli Stati Uniti, come potenziale beneficiario di qualsiasi sentimento di avversione al rischio che sarebbe potuto scaturire dalla crisi. Anche qui vediamo pochissime reazioni. Nel complesso, a parte le azioni russe, l’impatto complessivo sui mercati finanziari sembra essere stato piuttosto contenuto.

Questo vuol dire che un eventuale recrudescenza della crisi non debba preoccuparci? Negli ultimi anni i rischi geopolitici non hanno condizionato  più di tanto i mercati finanziari globali. I mercati azionari sono generalmente cresciuti nonostante una lunga lista di potenziali preoccupazioni, o titoli: “Russia”, “Siria”, “Iran/Medio Oriente”, “Cina/Taiwan”, “Nuova Guerra Fredda”, “Corea del Nord” ecc. ecc. Nessuna di queste questioni può considerarsi “risolta”, ma i mercati finanziari sembrano credere che uno scenario molto negativo in questi teatri sia improbabile, o forse che la molta liquidità in circolo prevalga su tutte le altre considerazioni.

Naturalmente, lo scenario del 2014 potrebbe non ripetersi per filo e per segno oggi. Si potrebbe sostenere che gli Stati Uniti stiano assumendo una posizione più attiva, già minacciando sanzioni contro la Russia e forse alzando la posta in gioco. Si potrebbe anche guardare ai prezzi del gas naturale in Europa e ipotizzare una correlazione. Prezzi del gas notevolmente più elevati potrebbero avere conseguenze economiche ampie, specialmente in un periodo dove l’Europa sta già facendo i conti con una crisi dei costi energetic.

Dove ci porta tutto questo? La storia recente suggerisce che i mercati finanziari globali probabilmente non saranno eccessivamente influenzati da ciò che accadrà in Ucraina, anche in caso di un escalation tra Stati Uniti e Russia. La probabilità di un esito più negativo non è zero, ma non è il nostro caso base al momento.

Prova Moneyfarm

Moneyfarm è il Consulente Finanziario Indipendente che ti guida e gestisce il tuo capitale con un investimento su misura e un consulente dedicato sempre al tuo fianco.

Simula un portafoglio personalizzato

- Premiati per il 7° anno consecutivo “Miglior Consulente Finanziario Indipendente in Italia”
- Superati i 2 miliardi di euro di risparmi in gestione
- Scelti da più di 80.000 investitori attivi in tutta Europa
- Consigliati da più del 90% dei nostri clienti