Pubblicato in:

Il 2021: le 10 notizie dell’anno oltre il Covid

Come il 2020, il 2021 è stato un anno dominato dal Covid-19. Dall’emergere di nuove varianti alla corsa alla vaccinazione, l’attenzione è stata (giustamente) concentrata sul controllo e la mitigazione della pandemia.

Il 2021 doveva segnare l’inizio di un nuovo ciclo economico e finanziario e, in una certa misura, ha mantenuto la promessa. Le campagne di vaccinazione hanno permesso alle economie di riaprire in modo deciso. Tuttavia, anche quest’anno ci sono state una serie di notizie non direttamente correlate (o legate in modo laterale) al Covid che hanno catturato l’attenzione degli investitori e del pubblico. Ecco un elenco delle storie che potresti esserti perso:

Assalto al Congresso: il giorno più buio della democrazia Usa

L’inizio dell’anno si è aperto con delle immagini che hanno sconvolto il mondo riguardo lo stato di salute del sistema democratico americano, già aggravato dalle controversie legate alle elezioni di fine novembre. Migliaia di sostenitori dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump hanno assediato Capitol Hill, la sede del Congresso degli Stati Uniti, per contestare il risultato elettorale.

Al momento dell’attacco, all’interno del palazzo era in corso una sessione congiunta del Congresso per convalidare i risultati delle elezioni. I rivoltosi hanno aggredito i funzionari della sicurezza, saccheggiato uffici e vandalizzato il Parlamento. Cinque persone, quattro manifestanti e un agente, sono morte nell’attacco. Il Federal Bureau of Investigation (FBI) ha definito l’assedio un atto di “terrorismo interno”.

I rivoltosi sono stati incitati da Trump durante un comizio tenuto lo stesso giorno dell’attacco al palazzo del potere. Trump, nonostante il suo mandato fosse in scadenza, ha per questo ricevuto un impeachment dalla Camera dei Rappresentanti. Sebbene Trump sia stato assolto dal Senato, è diventato il primo presidente degli Stati Uniti ad essere messo sotto accusa due volte dal Congresso.

Il 20 gennaio Joe Biden, il leader del Partito Democratico, ha prestato giuramento come 46° Presidente degli Stati Uniti il ​​20 gennaio.

Colpo di stato in Myanmar

Con una mossa a sorpresa di sorpresa il mondo, la mattina del 1° febbraio il potente esercito del Myanmar, noto come Tatmadaw, ha preso il controllo del Paese del sud-est asiatico con un colpo di Stato.

La giunta ha dichiarato che le elezioni generali del 2020, che il partito della Lega nazionale per la democrazia (Nld) di Aung San Suu Kyi ha vinto con un’ampia maggioranza, non erano valide. L’anziano generale Min Aung Hlaing, capo del Tatmadaw, ha annunciato lo stato di emergenza per un anno. In seguito si sarebbe nominato primo ministro.

Il presidente Win Myint e Suu Kyi, insieme a diversi ministri e altri alti funzionari, sono stati arrestati dalla giunta. Aung San Suu Kyi è in stato di arresto in un luogo segreto ed è stata condannata a due anni di carcere.

Il Canale di Suez bloccato

Abbiamo tutti negli occhi l’immagine della nave porta container della lunghezza di quattro campi da calcio che a marzo ha bloccato uno dei corridoi commerciali più trafficati del mondo, il canale di Suez. L’Ever Given è rimasta incastrata nel Canale per cinque giorni, bloccando centinaia di navi che dovevano attraversare lo stretto.

Circa il 12% del commercio mondiale passa attraverso Suez, i costi a catena causati del blocco sono stati astronomici. I dati della Lloyd’s List hanno rilevato che per ogni giorno che la nave è rimasta bloccata nel passaggio, sono stati trattenuti circa 9,6 miliardi di dollari di scambi commerciali. Il blocco ha riguardato la filiera di molti settori, ma i prezzi del petrolio in particolare sono saliti alle stelle.

Naturalmente, tutto il mondo ha seguito l’evento con grande curiosità, vista la dimensione tragica ma allo stesso tempo singolare dell’incidente.

GameStop: il mercato in mano ai meme

Una delle storie di borsa dell’anno è sicuramente la saga borsistica di GameStop. Gli utenti del thread Reddit r/wallstreetbets sono stati in grado di organizzare uno “short squeeze” sulle azioni di GameStop, una catena di negozi di videogiochi contro la quale molti fondi speculativi avevano piazzato scommesse al ribasso. Gli utenti hanno lanciato online una crociata per l’acquisto del titolo, il prezzo è schizzato da 17,25 dollari fino ai 500 dollari per azione.

Le ripercussioni sono state ampissime. Il broker online Robinhood è stato costretto a interrompere le negoziazioni sul titolo, mentre si sono verificate gravi conseguenze per alcuni hedge fund enormi perdite per vari venditori allo scoperto (oltre a quelle di molti investitori che hanno provato a salire sul carro del vincitore attratti dal rumore online). Le accuse di manipolazione del mercato si sono sprecate, ma la saga è servita a evidenziare la fragilità di alcune strategie di borsa, come le vendite allo scoperto, di fronte agli investitori che oggi possono organizzarsi online e condizionare il mercato.

Il titolo ora è sceso a circa 148 dollari per azione. Una soglia ancora molto alta rispetto alla sua valutazione all’inizio dell’anno, ma i picchi  (a cui molti investitori comuni avevano deciso di comprare attirati dal dibattito online) sono un lontano ricordo. L’amministrazione dell’azienda sta provando ora a utilizzare il clamore mediatico per rilanciare il business, coinvolgendo i piccoli investitori anche come clienti.

L’anno dei NFT?

Per chiunque non sappia cosa sia gli NFT, stiamo parlando dei Non-Fungible Token. Più specificamente, è un gettone elettronico creato con la tecnologia blockchain per dimostrare la proprietà degli asset digitali.

Scopri la proposta d'investimento costruita per te

1. Crea il tuo profilo
2. Scopri il tuo portafoglio
3. Comincia a investire
Simula un portafoglio

Scopri come costruiamo il tuo percorso d'investimento

Prova Moneyfarm

  1. Crea il tuo profilo
  2. Scopri il tuo portafoglio
  3. Scegli quando investire
Prova Moneyfarm

Nel 2021, il concetto di NFT ha guadagnato una certa trazione. Abbiamo visto i gettoni digitali essere utilizzati sempre più di frequente. A marzo, un’opera d’arte digitale di Beeple è stata venduta per 69 milioni di dollari da Christie’s facendolo diventare, secondo la casa d’aste, uno tra i primi tre artisti viventi più quotati.

Solo fino a pochi anni fa un’opera digitale non avrebbe avuto alcun valore commerciale, perché non ci sarebbe stato modo di certificare in modo certo la proprietà di un file riproducibile. Adesso gli NFT hanno reso possibile questo tipo di transazioni, il che apre la strada a numerosissime oltre altre applicazioni in un mondo che diventa sempre più digitale.

Cosa questo significhi dal punto di vista degli investimenti non è chiaro. Sembra probabile che, almeno per ora, gli NFT rimarranno oggetti da collezione o certificati per il possesso di asset fisici di ogni genere. In ogni caso, il 2021 ha marcarto un grande passo avanti per questo tipo di tecnologia, di cui si sentirà parlare ancora lungo.

Miliardari nello spazio

È stato un piccolo passo per l’uomo e un balzo da gigante per… pochi uomini. Il 2021 è stato l’anno in cui alcuni tra gli uomini più ricchi del mondo hanno lasciato l’orbita. Più specificamente, sia Richard Branson di Virgin che Jeff Bezos di Amazon hanno intrapreso viaggi nello spazio come pionieri dei viaggi spaziali turistici.

“Blue Origin”, il programma spaziale di Bezos ha preso il volo a luglio, appena una settimana dopo la Virgin Galactic di Branson. Alla fine, le due società stanno vendendo un sogno simile, vale a dire alcuni minuti di assenza di gravità e l’esperienza di volare fuori dall’atmosfera terrestre.

Il prezzo per un viaggio su Virgin Galactic è stato inizialmente fissato a $ 200.000, prima di essere aumentato a $ 450.000 ad agosto. Blue Origin, invece, deve ancora svelare quale sarà il costo di un viaggio, concentrandosi inizialmente su vendite e aste private – la prima delle quali è stata vinta da Oliver Daemen, al prezzo stracciato di 28 milioni di dollari.

Crisi Evergrande, il mattone cinese spaventa il mondo

Tra agosto e settembre Evergrande, la seconda più grande azienda immobiliare cinese, è entrata in crisi di liquidità per la difficoltà a gestire i pagamenti sull’enorme debito, preoccupando i mercati mondiali per qualche giorno. 

Il 21 ottobre 2021, Evergrande – che aveva una gestione finanziaria discutibile, che includeva anche investimenti multimilionari nella squadra di calcio locale – ha annunciato di aver venduto attività per 2,6 miliardi per pagare un pagamento di interessi di 83 milioni in scadenza a settembre. 

Il 10 novembre 2021, Evergrande è diventata inadempiente su 3 obbligazioni dopo aver mancato il periodo di grazia per il pagamento degli interessi. Il 17 dicembre 2021, Evergrande è stata ufficialmente dichiarata inadempiente da S&P Global dopo aver mancato il pagamento di un’obbligazione all’inizio del mese.

La crisi del gigante immobiliare ha messo in dubbio il modello di sviluppo cinese, basato sul debito e una eccessiva centralità del mattone.

La caduta di Kabul

I talebani sono tornati a Kabul a 20 anni dall’attacco statunitense all’Afghanistan. I miliziani, che stavano conducendo da anni una battaglia contro il governo eletto afghano e le forze di sicurezza, hanno conquistato la capitale poche ore dopo la fuga del presidente Ashraf Ghani dal paese.

“La presa di potere da parte dei talebani in seguito al nostro ritiro è avvenuta più rapidamente di quanto avessimo previsto”, ha detto Joe Biden un giorno dopo la caduta di Kabul, riconoscendo l’evidente fallimento dell’intelligence di Washington, che ha sottovalutato la capacità dei talebani di riconquistare il potere.

Le scene di evacuazione della popolazione locale afghana, che ha provato a lasciare il paese attraverso un ponte aereo, sono state strazianti. Alcune persone hanno cercato di aggrapparsi ai carrelli di atterraggio dei C-17 Globemaster dell’aeronautica statunitense mentre decollavano, in un disperato tentativo di fuga. Il 30 agosto, l’ultimo soldato americano ha lasciato il suolo afgano, ponendo fine alla missione internazionale a Kabul dopo due decenni, che è costata la vita a migliaia di soldati occidentali e 100.000 afgani.

La COP26 scende su Glasgow

Probabilmente l’evento politico e ambientale più importante dell’anno è stato il vertice COP26 di Glasgow. Durante le prime due settimane di novembre, i leader mondiali si sono riuniti nella più grande città della Scozia per discutere degli sforzi congiunti per combattere il cambiamento climatico. L’elenco completo degli accordi è ampio. I punti chiave, tuttavia, sono stati l’impegno a incontrarsi (di nuovo) per discutere su come ridurre le emissioni, un piano esplicito per ridurre la dipendenza dal carbone e piani per fornire assistenza ai paesi in via di sviluppo.

Ci sono state ovviamente critiche, in primo luogo perché molti non considerano i risultati raggiunti sufficienti. Il piano è mantenere il riscaldamento globale “ben al di sotto” di 2°C’, ma molti sostengono che con la traiettoria attuale siamo destinati a fallire questo obiettivo. Dal punto di vista di un investitore, il vertice è un inizio. Indica l’importanza crescente che le questioni climatiche avranno nel condizionare l’andamento dei mercati e della necessità di uno sforzo globale per combatterle. Ciò potrebbe portare a una maggiore attenzione agli investimenti socialmente responsabili, qualcosa che Moneyfarm ha iniziato a offrire a partire da quest’anno.

Prova Moneyfarm

Moneyfarm è il Consulente Finanziario Indipendente che ti guida e gestisce il tuo capitale con un investimento su misura e un consulente dedicato sempre al tuo fianco.

Simula un portafoglio personalizzato

- Premiati per il 7° anno consecutivo “Miglior Consulente Finanziario Indipendente in Italia”
- Superati i 2 miliardi di euro di risparmi in gestione
- Scelti da più di 80.000 investitori attivi in tutta Europa
- Consigliati da più del 90% dei nostri clienti