Pubblicato in:

Grecia e Argentina: così lontane così vicine?

Chi di voi in questi giorni non ha sentito accostare continuamente il destino della Grecia a quello dell’Argentina alzi la mano.

Sui blog, giornali, Twitter, Facebook e chi più ne ha più ne metta, arrivano costantemente feedback che avvicinerebbero le sorti economiche delle due Nazioni.

Com’è possibile che paesi con storie così diverse si trovino in situazioni apparentemente così vicine?

Facciamo un passo indietro nella storia: la Grecia fu patria di eroi millenari e culla della cosiddetta civiltà europea, l’Argentina fu terra dell’antico Impero Inca successivamente assoggettato dai conquistadores  spagnoli e ora vibrante mercato emergente.

 

Realtà tanto diverse che adesso sembrano avvicinarsi a causa della loro situazione di crisi sul debito governativo portando l’IMF a coprire i debiti di entrambe e sancendo, almeno in parte, la perdita della sovranità nazionale.

Se si guarda più a fondo però la situazione è parecchio differente e in realtà lo stato dell’economia greca è in condizioni peggiori rispetto a quello dell’Argentina pre-default.

 

Questo è spiegato molto bene in un post blog dell’allora  ministro della finanza argentino Domingo Cavallo.

Scopri la proposta d'investimento costruita per te

1. Crea il tuo profilo
2. Scopri il tuo portafoglio
3. Comincia a investire
Simula un portafoglio

Ragionando, la situazione ci risulta essere diversa per quattro motivi;

  •  La Grecia è molto più indebitata di quanto non lo era l’Argentina ; il debito pubblico greco è 3 volte quello argentino in relazione al GDP
  • La differenza tra le entrate fiscali e le spese dello stato  (i.e. deficit primario) greco è 5 volte (in termini percentuali) quello dell’Argentina ai tempi del default
  • La mancanza di competitività della Grecia è molto più radicata e non dipende solamente dalla sopravvalutatazione della valuta
  • La Grecia non ha una sua moneta ed una sua (funzionante) Banca Centrale

Anche se la situazione economica è fondamentalmente peggiore, gli obbligazionisti hanno convissuto  per diversi anni con la concezione che essendo la Grecia in Europa,  l’ECB o le altre entità sovrannazionali europee l’avrebbero in qualche modo salvata finendo col proteggerli dal default e portando così  il paese su una strada socialmente molto difficile.

Cavallo sottolinea come questo fosse allo stesso tempo vero  per l’IMF ai tempi della crisi Argentina; anche se in quel caso gli interessi in gioco furono diversi e benchè oggi  l’Europa abbia una necessità maggiore nel mantenere la situazione della Grecia sotto controllo.

Fino ad adesso questo discorso ha funzionato ma la verità è che non solo non è possibile ma è anche sbagliato economicamente, socialmente e politicamente procrastinare questa situazione in eterno.

Infatti l’Argentina, ad esempio, nonostante la possibilità di ricevere fondi dall’IMF  scelse il default e con il senno di poi, fu la scelta più azzeccata per il paese.

Noi (e molti altri) pensiamo che per dare sollievo al popolo greco e controintuitivamente anche ai mercati, la Grecia dovrà defaultare affrontando così  i problemi fondamentali dell’economia che non potranno più essere ignorati ma dovranno essere affrontati.

La domanda oggi quindi è “Come riuscire a fare defaultare la Grecia senza creare una Lehman Europea?”

 

 

 

Prova Moneyfarm

Moneyfarm è il Consulente Finanziario Indipendente che ti guida e gestisce il tuo capitale con un investimento su misura e un consulente dedicato sempre al tuo fianco.

Simula un portafoglio personalizzato

- Votati migliore servizio di consulenza finanziaria in Italia per il quarto anno consecutivo
- Scelti da più di 160.000 investitori in tutta Europa
- Consigliati da più del 90% dei nostri clienti