Pubblicato in:

Brexit: istruzioni per l’uso

BREXIT

Stamattina ci siamo svegliati con quella che per molti è stata una sorpresa.

La decisione del Regno Unito di uscire dall’UE è un evento storico che apre diversi interrogativi in merito al futuro geopolitico, economico e finanziario europeo e non solo.

Gli investitori vivono timori comprensibili, ma di certo perdere la lucidità è la cosa peggiore che possa capitare in questi casi, come sottolinea in un breve video il nostro Presidente Paolo Galvani.

Cerchiamo quindi fare chiarezza sulle reali possibili conseguenze della Brexit.

Strategia, pianificazione e portafogli che riescono a reagire: cosa fare ora?

L’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea avrà un impatto determinante sull’andamento dei mercati finanziari sia nel breve che nel lungo termine.

L’avversione al rischio degli investitori è destinata ad aumentare, con conseguenze diverse sulle asset class.

Lato obbligazionario, ciò porterà ancora più in alto le valutazioni di Bund, Treasury e Gilt (rispettivamente titoli di stato tedeschi, statunitensi e inglesi), mentre per quando riguarda i titoli di stato dei Paesi periferici, la conseguente instabilità politica porterà ad un aumento dello spread tra questi ultimi e il Bund tedesco.

Sul fronte azionario, con grande probabilità, i listini e europei e britannici saranno i primi ad avvertire gli effetti del cambiamento, mentre dal punto di vista valutario, euro e sterlina potrebbero svalutarsi nei confronti del dollaro.

Scopri la proposta d'investimento costruita per te

1. Crea il tuo profilo
2. Scopri il tuo portafoglio
3. Comincia a investire
Simula un portafoglio

L’unica nota positiva in questo scenario sono gli interventi delle banche centrali.

La Banca Centrale Europea e la Bank of England si sono dette pronte a intervenire per evitare eventuali crisi di liquidità.

Sul fronte politico, il governo del Regno Unito ha già annunciato un inasprimento della politica fiscale nell’immediato futuro, anche se il probabile cambio di leadership potrebbe rimettere in discussione alcuni punti cruciali.

Dal canto nostro, i portafogli MoneyFarm sono ben posizionati per affrontare potenziali nuovi scenari e condizioni d’incertezza come quelle attuali. Grazie ai ribilanciamenti fatti in passato, i nostri portafogli hanno potuto giovarsi di un’esposizione azionaria più conservativa che ha ridotto al massimo la probabilità di perdite ingenti.

La diversificazione su scala globale che contraddistingue i nostri portafogli ci ha permesso di non renderli direttamente dipendenti dalle sorti dei trattati tra Unione Europea e Regno Unito.

Azionario ad alti dividendi e bond high yield in dollari USA sono state le due asset class al centro dell’ultimo ribilanciamento, focalizzato sulla ricerca di maggiori rendimenti.

Una scelta che sta dando i suoi frutti: diversamente da altre asset class, da inizio anno, High Yield e alto dividendo stanno performando bene (anche nell’ultimo mese), a conferma dell’importanza di una strategia adeguata e sempre in linea coi mercati.

Casi come quello della Brexit, ricordano quindi agli investitori quanto sia determinante poter contare su portafogli solidi e capaci di reagire. Diversificare, monitorare e correggere sono i fondamentali sui quali si reggono gli investimenti nati da una buona strategia, l’unica via per mitigare possibili effetti negativi e, in particolare, cogliere nuove opportunità dei mesi futuri.

Prova Moneyfarm

Moneyfarm è il Consulente Finanziario Indipendente che ti guida e gestisce il tuo capitale con un investimento su misura e un consulente dedicato sempre al tuo fianco.

Simula un portafoglio personalizzato

- Votati migliore servizio di consulenza finanziaria in Italia per il quarto anno consecutivo
- Scelti da più di 160.000 investitori in tutta Europa
- Consigliati da più del 90% dei nostri clienti