Pubblicato in:

Bitcoin trading: la guida completa per il 2022

bitcoin trading

Le criptovalute continuano ad essere uno dei temi caldi nel mondo degli investimenti, infatti molti risparmiatori sono sempre più attratti dall’idea di fare bitcoin trading. Il mercato delle criptovalute è noto per la sua volatilità e gli speculatori più aggressivi sfruttano questa caratteristica per guadagnare con i bitcoin e le altre criptovalute.

L’atmosfera da “febbre dell’oro” che caratterizza il mercato cripto, è stato alimentato anche dalle ottime performance del bitcoin nel 2021, quando la criptovaluta ha toccato il suo massimo storico, sfiorando il prezzo di 60.000 dollari.

Prima di avventurarsi in questo mercato giovane e pieno di insidie, bisogna però conoscere bene i meccanismi della blockchain e il funzionamento delle cripto. Vediamo quindi le particolarità della criptovaluta più famosa, come funziona il bitcoin trading e proviamo a capire se conviene oppure no.

INIZIA ORA A INVESTIRE CON MONEYFARM

Cosa rende così speciale il bitcoin?

Quando il bitcoin è nato nel 2009, si trattava di un’idea molto rivoluzionaria, infatti solo in pochi hanno deciso di fare il salto nel buio e investire. Adesso gli investitori della prima ora sono miliardari e la loro esperienza ha contribuito ad alimentare l’interesse degli investitori nel corso del tempo.

L’inventore del bitcoin, conosciuto con lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto, creò il bitcoin con l’idea di dare vita ad una moneta che poteva essere scambiata senza l’intervento di banche e intermediari. Non esiste infatti un’unità centrale che controlla gli scambi di criptomonete, ma il sistema del bitcoin si basa su un algoritmo open source, un registro pubblico dove ogni transazione rappresenta il blocco crittografato di una catena che deve rispettare dei requisiti ben precisi.

È possibile scambiare bitcoin da una parte del mondo all’altra e i detentori della moneta restano anonimi, perché possono essere identificati solo attraverso un indirizzo crittografato. Sebbene questo registro (la blockchain) sia pubblico, l’identità delle persone è sempre protetta.

A questo sistema di protezione se ne aggiunge un altro, perché le transazioni che viaggiano sulla blockchain non possono essere alterate, perché i singoli blocchi della catena sono legati l’un l’altro e devono essere approvati dalla maggior parte dei nodi.

Si tratta quindi di un progetto complesso e ambizioso, infatti quando il creatore del bitcoin ha fatto perdere le sue tracce, altri sviluppatori hanno continuato a lavorare allo sviluppo di questa tecnologia e a “minare” bitcoin. I miners estraggono dal sistema bitcoin attraverso dei computer dotati di un’elevata potenza di calcolo e vengono retribuiti in bitcoin.

Il bitcoin è così speciale anche per la sua scarsità, infatti possono essere estratti solo 21 milioni di bitcoin. Questa è una delle ragioni per cui i sostenitori della moneta ritengono che sia destinata a salire di prezzo. Alcuni considerano il bitcoin come un bene rifugio al pari dell’oro, perché sarebbe immune dagli effetti dell’inflazione.

Come fare bitcoin trading?

Fare bitcoin trading è una delle modalità più popolari per guadagnare con la criptovaluta e non richiede neppure l’acquisto vero e proprio della moneta. È possibile infatti negoziare i CFD, Contract for Difference, nelle apposite piattaforme di trading.

Il bitcoin trading come funziona con i CFD? Piuttosto che acquistare la moneta e rivenderla, si utilizzano degli strumenti derivati, i CFD, dei contratti che replicano la quotazione dell’asset sottostante, che in questo caso sono i bitcoin.

La coppia di valute più utilizzata per fare trading con le criptomonete è BTC/USD, ossia bitcoin-dollaro americano. In base all’andamento del bitcoin, rapportato al dollaro, il trader può aprire una posizione long se prevede un apprezzamento della moneta o una posizione short se prevede invece un suo deprezzamento.

Il trader ottiene un guadagno o una perdita in base alla differenza di prezzo tra il momento in cui l’operazione si apre e quello in cui si chiude. Trattandosi di un mercato estremamente volatile, le oscillazioni di prezzo possono essere molto brusche e comportare un maggiore rischio per l’investitore.

Strategie di trading bitcoin

Per negoziare e guadagnare con il bitcoin trading, si possono seguire diverse strategie. Chi si dedica allo scalping con i bitcoin, apre nel corso della giornata diverse piccole operazioni, che possono concludersi anche nell’arco di qualche minuto.

La strategia di uscita dev’essere molto chiara al trader in questo tipo di operazioni, perché una grossa perdita potrebbe annullare il risultato di tante piccole operazioni andate a profitto. Occorrono quindi nervi saldi e delle regole ben definite che riducono gli effetti dell’emotività.

Alcuni trader preferiscono fare trading con i bitcoin attraverso operazioni più lunghe, che si concludono alla fine di ogni giornata. In questo caso si parla di day trading bitcoin. Prima di negoziare, bisogna studiare molto bene i grafici, così da un’analisi accurata possono scaturire operazioni profittevoli.

Quando invece si fa swing trading, si cerca di sfruttare le oscillazioni di prezzo più ampie e quindi le operazioni restano aperte per diversi giorni o settimane. Anche in questo caso bisogna conoscere molto bene l’analisi tecnica e gli strumenti di analisi, come ad esempio gli indicatori.

Scopri la proposta d'investimento costruita per te

1. Crea il tuo profilo
2. Scopri il tuo portafoglio
3. Comincia a investire
Simula un portafoglio

Piattaforme per fare trading con i bitcoin

Per fare trading con i bitcoin in Italia, bisogna affidarsi ad un broker autorizzato e aprire un account. Il broker fornisce ai trader delle piattaforme ad hoc, a cui si può accedere tramite il computer o lo smartphone.

Le migliori piattaforme per fare trading con i bitcoin sono la MetaTrader4 e la MetaTrader5, che offrono varie funzionalità. Non solo permettono di aprire operazioni long o short, ma offrono anche strumenti evoluti per fare analisi tecnica.

Queste piattaforme permettono anche di fare bitcoin trading con i bot. Chi non ha tempo o voglia di gestire l’operatività, può affidarsi agli Expert Advisor, dei programmi automatizzati che aprono o chiudono le operazioni in base a dei parametri preimpostati.

Cosa influenza il prezzo dei bitcoin?

A differenza delle monete che hanno corso legale, il bitcoin non è legato all’economia di uno Stato in particolare. Il prezzo della criptovaluta è determinato unicamente dal mercato, ossia dalla domanda e dall’offerta di bitcoin in un determinato arco temporale.

Trattandosi di un mercato che ha una capitalizzazione piuttosto bassa, alcune oscillazioni di prezzo possono essere determinate anche da fattori esterni al mercato. Ad esempio, la scelta della Cina di mettere al bando i miners, ha determinato una brusca contrazione del prezzo del bitcoin.

Hanno fatto discutere anche i tweet di Elon Musk che annunciavano la possibilità di acquistare una Tesla con i bitcoin, che è stata poi ritrattata qualche tempo dopo. È bastato un cinguettio di poche parole per far sobbalzare il prezzo della moneta.

Visto l’interesse sempre maggiore da parte degli investitori istituzionali e la progressiva crescita della capitalizzazione del bitcoin, è probabile che nel tempo queste “interferenze” sul mercato abbiano un effetto sempre più blando.

Come guadagnare con i bitcoin?

Replicare i guadagni con i bitcoin ottenuti dai primi investitori, oggi è un obiettivo poco realistico. La criptovaluta si distingue dalle monete FIAT (che hanno corso legale) per la forte volatilità. Questa caratteristica rende il trading con i bitcoin più rischioso e difficile per i trader con poca esperienza.

Chi vuole entrare nel mercato delle criptovalute senza correre i rischi tipici del trading, può adottare una strategia diversa. Piuttosto che negoziare i CFD, è possibile acquistare la moneta presso un exchange e tenerla nel proprio portafoglio, in attesa che il prezzo aumenti nel tempo.

Anche questa modalità per guadagnare coi bitcoin non è esente da rischi, perché la costante crescita di prezzo della moneta non è così matematica e potrebbe richiedere anche molti anni. Tra l’altro, il rischio che il bitcoin si riveli solo una bolla speculativa non è ancora scongiurato.

Conviene davvero?

Chi ha ideato il bitcoin, voleva dare vita ad una moneta alternativa rispetto alle monete FIAT e utilizzabile per la compravendita di beni e servizi, ma allo stato attuale si tratta solo di un asset class speculativo. Sono ancora poche le società che accettano pagamenti in bitcoin e al momento soltanto El Salvador ha riconosciuto il bitcoin come moneta avente corso legale.

Questi fattori contribuiscono a determinare la forte volatilità del bitcoin, che non ha ancora un valore intrinseco, visto che si tratta di un asset di tipo speculativo. Alla luce di queste considerazioni, conviene investire nella criptovaluta e nel bitcoin trading?

Bisogna valutare un investimento di questo tipo con la massima cautela, perché come abbiamo visto l’attività di trading coi bitcoin è molto rischiosa. Quando si tratta di investimenti, si dovrebbe in primo luogo pensare ad una strategia di lungo periodo, per far crescere nel tempo il capitale. Solo dopo aver impostato una strategia di investimento solida e di ampio respiro, si può valutare un investimento speculativo nel mercato cripto.

Conclusioni

Sebbene molti risparmiatori si lasciano tentare dalla prospettiva di grandi guadagni con i bitcoin, è bene avere un atteggiamento prudente quando ci si avvicina ad mercato così giovane e instabile.

Noi di Moneyfarm crediamo che non ci siano ancora le condizioni per includere i bitcoin nei portafogli di investimento, anche se si sceglie di adottare una strategia molto aggressiva. Preferiamo al contrario una strategia di investimento che si basa sulla diversificazione e sulla lungimiranza, tenendo sempre conto degli obiettivi degli investitori.

 

 

Prova Moneyfarm

Moneyfarm è il Consulente Finanziario Indipendente che ti guida e gestisce il tuo capitale con un investimento su misura e un consulente dedicato sempre al tuo fianco.

Simula un portafoglio personalizzato

- Premiati per il 7° anno consecutivo “Miglior Consulente Finanziario Indipendente in Italia”
- Superati i 2 miliardi di euro di risparmi in gestione
- Scelti da più di 80.000 investitori attivi in tutta Europa
- Consigliati da più del 90% dei nostri clienti