Pubblicato in:

Mercati finanziari: review settimanale [3-7 ottobre]

mercati finanziari

Lunedì 3 ottobre

  • Giappone: l’indice Tankan dei grandi produttori manifatturieri scende a 6 punti (vs 7 atteso). Quest’indice misura le condizioni economiche generali dei grandi produttori nipponici e un valore superiore allo zero indica un miglioramento delle condizioni;
  • L’Indice Manifatturiero dei direttori agli acquisti (PMI, Purchasing Manger Index) italiano sale a 51.0 punti (vs 50,3 atteso e 49.8 precedente). Salgono anche i PMI manifatturiero spagnolo (52.3 vs 51.4 atteso e 5.0 precedente) e francese (49.7 vs 49.5 atteso e 49.5 precedente). Invariato a 54.3 il PMI manifatturiero tedesco, in linea con le attese. Sale a 55.4 punti il PMI manifatturiero del Regno Unito (vs 52.1 atteso e 53.3 precedente);
  • L’Indice ISM dei direttori agli acquisti del settore manifatturiero statunitense sale a 51.5 punti (vs 50.3 atteso e 49.4 precedente).

Martedì 4 ottobre

  • La Banca Centrale Australiana lascia invariati i tassi d’interesse all’1.5% mentre la Banca Centrale Indiana tagli di 25 punti base i tassi d’interesse da 6.5% a 6.25%;
  • Lo Stato Italiano emette per la prima volta BTP a 50 anni a un tasso pari al 2.85%.

Mercoledì 5 ottobre

  • Variazione dell’occupazione non agricola (ADP) statunitense leggermente sotto le attese: 154 mila lavoratori in più vs 166k atteso e 175 mila il dato precedente (rivisto al ribasso);
  • Indice ISM sul settore non manifatturiero statunitense a 57,1 punti (vs 53.0 atteso e 51.4 precedente);
  • Continuano a scendere per la quarta settimana di fila le scorte di petrolio greggio in giacenza presso le aziende statunitensi (-3.0 milioni di barili, vs +2.6 attesi e -1.9 precedenti).

Giovedì 6 ottobre

  • Continua a perdere terreno la sterlina, dopo le dure dichiarazioni dei vari esponenti dei ministri britannici che gettano seri dubbi su una risoluzione pacifica della Brexit. Durante la notte tra giovedì e venerdì, a causa di alcuni ordini automatici e della poca liquidità, la sterlina perde in pochi secondi di contrattazione il 6%, per poi recuperali nell’ora successiva.

Venerdì 7 ottobre

Iscriviti alla newsletter gratuita.

Ricevi consigli, suggerimenti e notizie settimanali per aiutarti nella gestione delle tue finanze.

  • Scende dello 0,4% la produzione industriale nel Regno Unito nel mese di agosto (vs +0.1% atteso e +0.1% precedente). La produzione manifatturiera sale dello 0.2% (vs 0.5% atteso e -0.9% precedente);
  • Le buste paga del settore non agricolo di settembre registrano 156 mila nuovi occupati (vs 175 mila attesi e 167mila il mese precedente). Il tasso di disoccupazione sale al 5.0% (vs 4.9% atteso e 4.9% precedente).

Dati estratti da Bloomberg

Mercati finanziari

NB: Per i bond governativi riportiamo la variazione del tasso a scadenza, per gli altri indici riportiamo la variazione percentuale.

Dati aggiornati alle ore 15:20 di venerdì 7 ottobre 2016.

 

Prova Moneyfarm

È sempre un buon giorno per investire.

Inizia oggi il tuo percorso di investimento online. Moneyfarm ti guida con semplicità e trasparenza per cogliere le opportunità e gestire i momenti difficili.

Pianifica il tuo percorso