Pubblicato in:

Investimenti online e su misura per le nuove generazioni

Investimenti online

Meglio gli investimenti online. I giovani italiani alla ricerca di soluzioni cucite su misura e flessibili.

Alla domanda Perché non metti da parte qualche soldo da investire? spesso segue la risposta Come faccio se a malapena riesco ad arrivare a fine mese?! Ma quanto c’è di vero in questa diffusa lamentela delle generazioni più giovani? E qual è l’opinione dei giovani italiani sulla finanza?

Abbiamo provato a capirlo.

I giovani italiani sono poveri?

Secondo le ultime statistiche Istat, nel 2015 è aumentata l’incidenza della povertà assoluta tra i giovani italiani di 18-34 anni: dall’8,3% del 2014 al 10,2% del 2015.

E se si guarda quella relativa, la situazione non migliora (passata dal 14,7% al 16,6%).

In entrambi i casi, l’incidenza dei diversi tipi di povertà è maggiore tra i 18-34enni rispetto alle altre fasce di età. L’indagine del Centro Studi Einaudi e di Intesa Sanpaolo 2015 rivela che sotto i 25 anni più della metà degli intervistati erano completamente indipendenti economicamente nel 2014, ma si sono ridotti a meno di un quarto nel 2015.

Per la fascia d’età compresa tra i 25 e i 34 anni, nel 2014 il 78% era totalmente indipendente e solo il 5% non lo era per niente, nel 2015 si assiste al triplicarsi di questa condizione e al corrispondente ridursi della prima. Per questo, i giovani Millennials non possono fare a meno del sostegno economico dei genitori.

Tieniti sempre aggiornato!

Ricevi consigli e notizie settimanali per imparare a gestire al meglio le tue finanze. Iscriviti alla nostra newsletter gratuita!

E come dargli torto…

Giovani italiani alla ricerca di soluzioni trasparenti e innovative.

Crisi finanziaria, scandali e un maggiore accesso all’informazione, hanno reso le generazioni più giovani non solo più “povere” ma anche più diffidenti ed esigenti.

Secondo un recente studio di Deloitte i Millennials amano la tecnologia, il digitale e i prodotti personalizzati. Le loro scelte sono condizionate dal credere comune e sono più propensi ad “ascoltare diverse campane” prima di affidarsi ciecamente ad un solo e unico consulente finanziario (e per fortuna!).

Per quanto riguarda le scelte di investimento, essendo rimasti “scottati” dalla crisi finanziaria, ora sono molto prudenti e conservativi. Ma paradosso all’italiana, se da un lato cercano di investimenti sicuri, dall’altro scelgono il fai da te, incuranti del rischio. Sempre più lontani dai fondi comuni (dall’11% del 2007 al 6,7% del 2015), come dimostra l’indagine Assogestioni su “I sottoscrittori dei fondi comuni italiani”, i giovani tra i 26 e i 35 anni preferiscono investire piccole somme e optare per soluzioni flessibili e basso costo.

Come la finanza può avvicinarsi ai giovani.

Sempre secondo Deloitte, il servizio di consulenza finanziaria adatto ai giovani deve essere disponibile su diversi canali, online e molto focalizzato sugli obiettivi del giovane cliente e per questo i Millenials sembrano preferire i roboadvisors alle banche e ai loro sistemi tradizionali. Inoltre, deve “parlare chiaro”, perché i Millennials, soprattutto quelli italiani, sanno poco di finanza e ancora meno del linguaggio che spesso gli addetti ai lavori si ostinano a imporre.

Un sfida per tutti gli operatori, ma noi….siamo pronti!

Prova Moneyfarm

È sempre un buon giorno per investire.

Semplice, trasparente e personalizzato. Il piano di investimento Moneyfarm soddisfa le tue aspettative di rendimento e protegge il tuo capitale.

Simula un portafoglio personalizzato